Meloni in Giappone per il G7: ‘Ringrazio Fumio Kishida per la calorosa accoglienza ricevuta’

“Ha inizio il G7 di Hiroshima, in Giappone. L’Italia è una Nazione protagonista nello scenario internazionale e il nostro ruolo per affrontare le sfide presenti e future è fondamentale e imprescindibile: sarà un onore rappresentarla. Vi terrò aggiornati”. Giorgia Meloni lo ha scritto sui suoi social alla vigilia del summit dei grandi della terra. In attesa dell’inizio ufficiale del vertice,  il presidente del Consiglio ha avuto un lungo bilaterale con il suo omologo giapponese, Fumio Kishida: i due leader hanno ribadito i solidi rapporti di collaborazione tra Roma e Tokyo.

“Ringrazio il Primo ministro giapponese Fumio Kishida per la calorosa accoglienza alla vigilia del Vertice G7 a Hiroshima. Sono molto contenta del nostro Partenariato Strategico che ci sta consentendo di intensificare la nostra collaborazione. Siamo uniti nell’impegno a tutela di un ordine internazionale fondato sulle regole, della pace e della stabilità, da scienza e tecnologia a cooperazione industriale e sicurezza”, ha scritto su Twitter Meloni, che è stata accolta con grande favore anche dalla stampa giapponese e dai media stranieri, che non hanno mancato di sottolineare come si tratti dell’unica leader donna al vertice.

Una nota del ministero degli Esteri giapponese ha poi riferito che nel corso del bilaterale, durato circa un’ora, Kishida e Meloni “hanno concordato che trasmetteranno con forza al mondo la determinazione del G7 a sostenere l’ordine internazionale libero e aperto basato sullo stato di diritto e dimostreranno l’incrollabile solidarietà con l’Ucraina al vertice di Hiroshima”. Riguardo all’aggressione russa dell’Ucraina, i due leader hanno affermato di continuare con le sanzioni severe alla Russia e con la forte solidarietà all’Ucraina”, si legge ancora nel comunicato, che ricorda le condoglianze e la solidarietà espresse da Kishida a Meloni per le vittime e i danni dell’alluvione in Emilia Romagna.

I due premier, prosegue la nota, hanno poi confermato “il loro impegno a promuovere una cooperazione concreta come partner strategici e hanno accolto con favore la conclusione dei negoziati sull’accordo di coproduzione cinematografica”. Parlando del vertice di Hiroshima, il capo del governo di Tokyo ha dichiarato che “vorrebbe dimostrare la determinazione del G7 a sostenere e rafforzare l’ordine internazionale libero e aperto basato sullo Stato di diritto”. Dal canto suo, Meloni ha espresso la sua intenzione di cooperare pienamente al vertice e insieme “hanno affermato di continuare a collaborare strettamente per il successo del G7 di Hiroshima”.

Kishida ha poi accolto con favore “i progressi della cooperazione in materia di sicurezza e difesa e i due leader hanno condiviso l’idea di approfondire le discussioni sulla cooperazione concreta attraverso il Dialogo politico-militare e altri canali”. I due leader hanno inoltre accolto con favore le prospettive di entrata in vigore dell’Accordo sulla sicurezza sociale tra i due Paesi, importante per facilitare ulteriormente gli scambi economici e interpersonali. Inoltre, il premier giapponese ha ribadito la richiesta di cooperazione dell’Italia per una rapida abolizione delle misure di importazione dei prodotti alimentari giapponesi da parte dell’Ue. Infine c’è stato “uno scambio di opinioni sulla situazione in Asia orientale, affermando di continuare a coordinarsi strettamente per affrontare le questioni relative alla Cina e alla Corea del Nord, anche per quanto riguarda le questioni nucleari e missilistiche e la questione dei rapimenti”.

Tra i temi nell’agenda del G7 c’è, tra l’altro, il delicato dossier di Taiwan, con il monito pronto a levarsi affinché non diventi la prossima Ucraina. Protagonista del vertice, tuttavia, sarà Kiev e la guerra che a quasi un anno e mezzo da quel tragico 24 febbraio non accenna ad arrestarsi: ai lavori è attesa anche la partecipazione del presidente Volodymyr Zelensky, che secondo l’agenzia giapponese Kyodo, che ha citato fonti del governo di Tokio, interverrà da remoto domenica. La posizione dei 7 Grandi della terra è granitica, saldamente a fianco dell’Ucraina. E ancora: sicurezza e coercizione economica, salute e ambiente, gli atri temi sul tavolo. E disarmo nucleare, un dossier che al summit di Hiroshima non sarebbe potuto mancare.

Circa Redazione

Riprova

Alessandra Todde, nuovo governatore della Sardegna attraverso la logica del coinvolgimento

Le elezioni sarde, senza attribuire loro una valenza nazionale che non hanno, confermano che la …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com