Lino Musella in COME UN ANIMALE SENZA NOME dal 28 al 30 novembre e L’AMMORE NUN’E’ AMMORE dal 1 al 3 dicembre

Teatro Vascello

dal 28 al 30 novembre

martedì, mercoledì e giovedì h 21

COME UN ANIMALE SENZA NOME

testi di Pier Paolo Pasolini

con Lino Musella

musiche dal vivo di Luca Canciello

drammaturgia di Igor Esposito

produzione La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello – Cadmo

durata 60’

Torna a grande richiesta, Lino Musella, attore fra i più amati e premiati della sua generazione, con un’opera-concerto originale, su testi di Pier Paolo Pasolini, dal titolo Come un animale senza nome.

Il poema autobiografico del “Poeta delle ceneri” sarà la colonna vertebrale del corpus poetico pasoliniano che la voce di Lino Musella renderà in forma di costellazione sonora, nuova e vibrante, accompagnata dalle sonorità musicali del Maestro Luca Canciello.

La straordinaria e misteriosa potenza del fantasma pasoliniano torna a interrogare il nostro presente a più di cento anni dalla nascita del poeta.

dal 1° al 3 dicembre

venerdì h 21, sabato h 19 e domenica h 17

L’AMMORE NUN’E’ AMMORE

30 sonetti di Shakespeare traditi e tradotti da Dario Jacobelli

con Lino Musella e Marco Vidino (cordofoni e percussioni)

regia Lino Musella

produzione Elledieffe, Cadmo associazione culturale

Durata: 60’

Lino Musella, abituato a muoversi tra cinema e teatro, è qui protagonista di un affascinante percorso poetico attraverso gli immortali versi di Shakespeare, qui “traditi” in napoletano dall’artista Dario Jacobelli.

L’ammore nun’è ammore nato a Le vie dei Festival, grazie ad un precedente studio realizzato alla Festa di Teatro Eco Logico di Stromboli è un’originale ‘recita dei sentimenti’ tra emozioni, atmosfere magnetiche e intensi desideri. Musella racconta l’amore, la bellezza e la caducità della vita in una lingua coraggiosa, viscerale e seducente.  Ad affiancarlo sulla scena, Marco Vidino ai cordofoni e alle percussioni con le sue musiche suggestive e avvolgenti che accompagnano gli spettatori in questo intimo viaggio. Dario Jacobelli, poeta scomparso prematuramente nel 2013, autore di racconti e romanzi, abile paroliere per musicisti come i Bisca, i 99 Posse e gli Almamegretta ricorda l’attore si dedicò negli ultimi anni della sua vita alla traduzione in napoletano e al tradimento, come amava definirlo, di 30 Sonetti di Shakespeare. Non aveva scadenze, non doveva rispettare le indicazioni o correzioni di nessun editore. Per committenti aveva i suoi amici più cari ai quali dedicava ogni sua nuova traduzione. I Sonetti in napoletano suonano bene. Battono di un proprio cuore. Indossano una maschera che li costringe a sollevarsi dal foglio per prendere il volo, tenendo i piedi per terra.

Biglietti : Intero 25 euro – Ridotto over 65: 20 euro – Ridotto Cral/Enti convenzionati: 18 euro – Ridotto studenti, studenti universitari, docenti e operatori delle scuole di teatro, cinema e danza 16 euro info e prenotazioni promozioneteatrovascello@gmail.com – telefono 06 5881021 È possibile acquistare i biglietti, abbonamenti e card telefonicamente 065881021 con carta di credito e bancomat abilitati (pos virtuale)

acquista direttamente alla biglietteria https://www.teatrovascello.it/biglietteria-23-24/

Circa Redazione

Riprova

Giancarlo Magalli: ‘De Sica a scuola lo bullizzavano. Fiorello è rimasto un animatore Valtur’

  La vita di Giancarlo Magalli è un film. Lo è stata fino dall’età di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com