Foto Ministro Trenta

L’ex ministro Trenta non lascia la casa in centro di Roma…

Elisabetta Trenta si tiene stretti i suoi privilegi. Doveva traslocare ma sta ancora nell’appartamento del ministero della Difesa a San Giovanni, nel cuore dei Roma, che occupava da ministro. La triste fine del M5S che era anti-casta per poi divenire casta a sua volte è commentata su La Verità da Maurizio Belpietro.

“Quando fu nominata ministro della Difesa ci chiedemmo a quale santo in paradiso fosse dovuta la sua ascesa politica – scrive Belpietro – adesso ci chiediamo quale santo in paradiso le consenta di continuare ad occupare una casa del ministero della Difesa”.

Tutto ebbe inizio a metà novembre quando venne alla luce il fatto che Elisabetta Trenta, ex ministro della Difesa, usufruiva ancora dell’alloggio di servizio pur non avendone più diritto essendo decasuta dalla carica di ministro. E che alloggio. Una casa di alta rappresentanza nel cuore di Roma. Come fa a rimenervi anche da ex ministro? Lo fa assegnare al marito, maggiore dell’Esercito, Claudio Passarelli. Non solo: c’è il sospetto che la concessione sia avvenuta aggirando i regolamenti.

Esploso lo scandalo, la Trenta prima tenta di resistere. Poi, anche dinanzi al perentorio invito arrivato da Luigi Di Maio,che le intima di abbandonare l’alloggio, cede e annuncia che lascerà l’appartamento.  “Mio marito, che è il titolare dell’alloggio, pur essendo tutto regolare e non essendoci nulla che ci debba far sentire in imbarazzo, per salvaguardare la serenità della famiglia, sta presentando istanza di rinuncia per l’alloggio, l’ha già fatto. Spero che questo atto di amore serva a tacitare la schifezza mediatica che è caduta su di me”. La notizia dell’istanza di rinuncia arriva il 19 novembre. Ma il trasloco, rivela La Verità, ancora non c’è stato.

Circa Redazione

Riprova

Autonomia differenziata, Rosaria Succurro (Anci Calabria) annuncia nuova protesta dei sindaci calabresi, “per come approvato, il testo può compromettere il futuro dei nostri territori”

«Noi sindaci calabresi siamo molto preoccupati per la spedita approvazione dell’autonomia differenziata, che nella forma …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com