La Nova Militia Christi Protezione Civile e la commemorazione dei morti a Messina

Il 2 novembre viene celebrato  il Giorno dei morti, una ricorrenza della Chiesa cattolica che vede le persone  raccogliersi in preghiera per commemorare tutti i fedeli defunti.

L’atto di commemorare i defunti in suffragio ha origine da un rito bizantino, per il quale il sabato prima della domenica di Sessagesima (la domenica che precede di due settimane l’inizio della Quaresima) venivano celebrati tutti i morti. Se ci spostiamo nel passato, in Francia,  nell’abbazia di Cluny,   regione storica della Borgogna, viveva il benedettino sant’Odilone (961-1049), quinto abate di Cluny e ideatore della riforma cluniacense, con la quale venne stabilito tra le altre cose che per celebrare i defunti le campane dell’abbazia dovevano suonare con dei rintocchi funebri appena dopo i vespri del primo novembre. Si decise inoltre che il 2 novembre l’eucaristia sarebbe stata offerta ‘pro requie omnium defunctorum’, ossia in memoria di tutti i defunti.

Nel nostro paese in questa ricorrenza è consuetudine far visita,  e portare fiori,  ai propri cari nei cimiteri. Ogni regione,  ogni città, ha le sue tradizioni locali. A Messina, storicamente, come in tutta la Sicilia, la ‘Festa dei morti’,  è una ricorrenza molto sentita, risalente al X secolo, che viene celebrata, per l’appunto,  il 2 novembre per ricordare chi non c’è più.

 La ricorrenza, non viene considerata, generalmente, solo come momento di dolore e di lutto, ma come momento in cui ricordare con  sì malinconia, ma anche  con  serenità  i propri cari.

Anticamente questa ricorrenza era per i bambini quello che è oggi il Natale e, ancora oggi, i bambini aspettano la festa dei morti  per ricevere in Sicilia,  oltre a giochi e regali vari, scardellini, frutta candita e la famosa ‘frutta martorana’, frutta preparata con pasta  di mandorla del tutto simile a quella vera, e molte altre specialità tipiche di questa festa.

Il cimitero monumentale di Messina, detto anche Gran camposanto, è uno dei più importanti cimiteri  monumentali d’Europa ed è assieme a quello di Staglieno il cimitero monumentale più artistico d’Italia. Al suo interno è presente la gran parte della statuaria e dell’architettura del neoclassicismo messinese.  Sorge nei pressi della zona centrale della città, di fronte alla villa Dante sulla via Catania e si estende per ben ventidue ettari
Presenti per la Nova Militia Christi il presidente,  Giuseppe Turiaco Eleonora Sclafani, Vinci Vincenza, Giusi Scollo, Rosy Mento e altri volontari Durante il servizio prestato nel cimitero ci si è soffermati su una tomba che ha un vero e pregnante significato‘Mai vista una tomba così, annota la volontaria della Nova Militia Christi, Eleonora Sclafani‘E’ l’ultima cena che raggruppa 3 tombe da 4 posti ciascuna. Il cimitero è veramente un luogo di riflessione, perchè noi  siamo niente. La vita è un soffio ed è un dono di Dio, sarebbe meglio farne tesoro ogni giorno, piuttosto che sprecarlo’.  La Celebrazione della Santa Messa si è tenuta  al Gran Camposanto,   sabato 2 novembre, alle ore 11 con il Nucleo Diocesano che ha curato  la funzione. Presente alla Santa Messa l’assessore Massimiliano Minutoli.

Cocis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com