“LA FILLE MAL GARDÉE” NELLA GIOIOSA VERSIONE DI ASHTON

È uno dei balletti più antichi pervenuti ai nostri giorni, La fille mal gardée in programma al Teatro dell’Opera di Roma dal 4 al 9 maggio. Al Costanzi va in scena già nel 1881, novantadue anni dopo la prima rappresentazione assoluta del 1789 al Grand Théâtre di Bordeaux. Data fondamentale per la rinascita del balletto è il 1960, quando alla Royal Opera House di Londra Frederick Ashton firma la sua edizione, ispirata al suo amore per le campagne del Suffolk. Nato nel 1904 in Ecuador, Ashton, uno dei padri fondatori del balletto inglese, è una delle figure più rappresentative della danza del XX secolo.

“Presto o tardi ogni artista rende omaggio alla natura – ha dichiarato il coreografo – La mia Fille mal gardée è una ‘Sinfonia Pastorale dei poveri’, perché durante tutta la preparazione dello spettacolo è a questa sinfonia di Beethoven che pensavo”.

Le musiche, adattate da John Lanchbery, partono da quelle originali di Ferdinand Hérold integrando melodie popolari e citazioni operistiche. Per la prima volta sul podio capitolino Philip Ellis, nominato miglior direttore al “Taglioni European Ballet Award”.

La virtuosistica coreografia di Ashton, attraverso energici passi a due, racconta la passione di due giovani, uniti dall’amore ma separati dalle differenze di classe: Lise ama il contadino Colas, ma sua madre vuole darla in sposa al figlio di un ricco fattore, l’ingenuo Alain. Tra feste campestri e danze di contadini, gli amanti riusciranno a convolare alle sperate nozze.

Le étoiles Rebecca Bianchi e Susanna Salvi e la solista Federica Maine si alterneranno nel ruolo di Lise. Grande attesa per il ritorno di Daniil Simkin che sarà Colas, insieme all’étoile Alessio Rezza, al primo ballerino Claudio Cocino e al solista Simone Agrò.

Ultimo balletto di Frederick Ashton, La fille mal gardée è una creazione costruita sul canovaccio di Dauberval. Ha riscosso da subito un enorme successo rimanendo uno dei balletti più amati del repertorio del Royal Ballet e uno tra i più rappresentati nel mondo. Ed è proprio la versione coreografica in due atti di Ashton, ripresa dallo specialista Jean-Christophe Lesage, nel colorato allestimento della Bayerische Staatsoper di Monaco quella che il pubblico dell’Opera potrà ammirare, con le scene e i costumi di Osbert Lancaster, gli stessi della prima londinese.

Biglietti in vendita sul sito operaroma.it e al botteghino.

Info: https://bit.ly/40nvxOA

paolo.cairoli@operaroma.it

STAGIONE 2022-23 TEATRO COSTANZI

La fille mal gardée

Balletto in due atti

DIRETTORE Philip Ellis

COREOGRAFIA Frederick Ashton

RIPRESA DA Jean-Christophe Lesage

SCENE E COSTUMI Osbert Lancaster

INTERPRETI PRINCIPALI

Lise

Rebecca Bianchi 2, 3, 4 (ore 20) 6 (ore 20), 9 /

Federica Maine 4 (ore 11) /

Susanna Salvi 6 (ore 15), 7

Colas

Alessio Rezza 2, 4 (ore 20), 9 /

Daniil Simkin 3, 6 (ore 20) /

Simone Agrò 4 (ore 11) /

Claudio Cocino 6 (ore 15), 7

ORCHESTRA, ÉTOILES, PRIMI BALLERINI, SOLISTI E CORPO DI BALLO

DEL TEATRO DELL’OPERA DI ROMA

Allestimento Bayerische Staatsoper, Monaco

Giovedì 4 maggio, ore 11.00 (turno scuole)

Giovedì 4 maggio ore 20.00

Sabato 6 maggio, ore 15.00

Sabato 6 maggio, ore 20.00

Domenica 7 maggio, ore 16.30

Martedì 9 maggio, ore 20.00

Circa Redazione

Riprova

Patente di guida: quali sono i limiti dopo i 65 anni

Il possesso della patente di guida è il requisito di base per mettersi al volante …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com