Elon Musk sul palco di Atreju, a Roma

Alla 24^ edizione di Atreju, la festa della destra organizzata da Giorgia Meloni è ospite Elon Musk,  fondatore di Tesla e SpaceX,  atteso da un’intervista con Nicola Porro destinata ad attirare su di sé l’attenzione degli osservatori internazionali.

Di mezzo c’è anche la strategia di business dell’uomo più ricco della Terra, che si presenta a Roma sia come privato imprenditore sia come garante della capacità americana di competere in diversi settori strategici con le sue aziende. Al centro del vertice c’è dunque pure il rapporto tra l’Italia e quel campo atlantico a cui Meloni guarda con attenzione. E il settore su cui Musk e il nostro Paese possono trovare un terreno comune di convergenza è quello dell’economia dello Spazio.

Più volte SpaceX e i lanciatori Falcon di Elon Musk hanno avuto a che fare con aziende italiane. L’ultimo caso ha riguardato la bresciana Apogeo: l’11 novembre nove suoi pico-satelliti sono stati lanciati in orbita grazie al vettore Falcon 9 di SpaceX. L’ufficiale di collegamento di Musk in Italia, il giovane 29enne informatico Andrea Stroppa, e i manager del miliardario venuti nel nostro Paese a più riprese per incontrare funzionari e aziende studiano da tempo prospettive per espandere a Roma la catena del valore di SpaceX.

Dall’Apogeo alla pugliese Siatel, sono molte le aziende che lavorano o hanno lavorato con Musk. ‘L’Italia è importante per Musk per tutto ciò che riguarda l’aerospazio’, dice Maurizio Tucci, esperto del settore e a lungo dirigente di Finmeccanica e Leonardo: ‘Negli impianti romani di Leonardo e nei centri di ricerca c’è tutto ciò che può aiutare Musk e l’industria aerospaziale americana sul fronte delle tecnologie per l’osservazione della Terra.  A Torino, invece, abbiamo la Città dell’Aerospazio dove vengono realizzate le infrastrutture di servizio e infine c’è la partita dei lanciatori di Avio».

L’Italia è un buon posto dove investire ma ‘dovete fare più figli’. Sono le prime parole pronunciate dal Patron di Tesla sul palco di Atreju, a Roma. L’imprenditore si è presentato alla festa di Fratelli d’Italia con in braccio il figlio. A seguire il suo intervento, in prima fila, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

A preoccupare l’imprenditore, ospite d’eccezione di Atreju, è il calo della popolazione in Italia. Secondo Musk, l’Italia è un ‘paese incredibile e gli italiani straordinari’ ma ha un tasso di natalità basso.

‘Se un’azienda deve investire si domanda: ci saranno abbastanza persone che lavoreranno? Sono forse ripetitivo ma mi limito ai fatti. Sono a favore dell’immigrazione legale che va aumentata,  mentre bisogna fermare quella illegale’,  dichiara Musk: ‘Occorre dare il benvenuto a chi arriva, è onesto, vuole entrare a far parte della cultura e lavora duro ma serve un processo di approvazione per gli ingressi. Se non c’è nessun filtro come fate a sapere chi sta arrivando? Non sto dicendo che tutti gli immigrati illegali siano criminali, la maggior parte sono integerrimi ma bisogna avere un processo, altrimenti non si può dire’.

Elon Musk ha dichiarato di essere ‘ambientalista’ ma di non demonizzare petrolio e gas: ‘Ho l’impressione che stiamo esagerando, nel breve periodo, sui cambiamenti climatici’. Musk criticato gli ambientalisti per far perdere la fiducia nel futuro:  ‘Dobbiamo continuare ad avere speranze’.

Secondo il magnate, l’Unione europea si è dotata di una mole eccessiva di regolamentazioni: ‘Più una società è stabile, più tende ad accumulare regole col passare del tempo. Il rischio è che col tempo tutto diventi illegale. Le regole sono come tanti piccoli fili, che alla fine immobilizzano un gigante. Credo sarebbe necessario un meccanismo che rimuova regole, regolamenti e leggi anziché limitare a sommarne di nuove a quelle già in vigore’.

Circa Redazione

Riprova

Meloni e Schifani e patto per la Sicilia da 6,8 miliardi di euro

Un patto da 6.8 miliardi di euro, con 580 interventi previsti e gli investimenti maggiori …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com