Incontro a Palazzo Chigi per cdm Emilia Romagna

DISEGNO DI LEGGE: Disposizioni per il contrasto alla violenza sulle donne e contro la violenza domestica

Approvato nel Consiglio dei Ministri il ddl Femminicidio e contro la violenza domestica. All’interno del testo si inaspriscono alcune misure contro la violenza sulle donne come il rafforzamento delle misure cautelari, e quindi l’ammonimento, braccialetto elettronico applicato di norma, obbligo di rispettare la distanza minima di avvicinamento di 500 metri dalla vittima e ampliamento delle fattispecie di reato per cui si possono applicare le misure precauzionali, tra cui anche revenge porn e sfregio del viso con l’acido.

Tra gli obiettivi c’è anche quello di velocizzare i tempi per l’applicazione delle misure cautelari, con termini stringenti per pubblici ministeri e giudici, e di dare priorità alla trattazione di processi in materia di violenza di genere e domestica e di rendere specializzati i pm cercando di assegnare sempre agli stessi i fascicoli riguardanti la violenza sulle donne.

Il ddl è composto da 15 articoli e punta soprattutto alla prevenzione per evitare che i cosiddetti ‘reati spia’ possano poi degenerare in fatti più gravi. Si tratta di imporre il cosiddetto cartellino giallo all’uomo violento, come lo ha definito la ministra per la Famiglia

All’articolo 1 il Ddl prevede un ”rafforzamento delle misure in tema di ammonimento e di informazione alle vittime”.

In particolare le pene per i reati di “percosse, lesioni personali, violenza privata, minacce gravi, atti persecutori, revenge porn, violazione di domicilio e danneggiamento sono aumentate ”se il fatto è commesso, nell’ambito di violenza domestica, da soggetto già ammonito…anche se la persona offesa è diversa da quella per la cui tutela è stato già adottato l’ammonimento”.

L‘articolo 5, che contiene le disposizioni in materia di attribuzioni del procuratore della Repubblica, prevede che ”in caso di delega, l’individuazione avviene specificamente sempre per la cura degli affari in materia di violenza di genere e domestica” proprio per ”favorire la specializzazione nella trattazione dei processi in materia di violenza di genere e violenza domestica”.

In caso di omicidio o tentato omicidio e di altri reati ”commessi in danno del coniuge, anche separato o divorziato, della parte dell’unione civile o del convivente o di persona che è legata o è stata legata da relazione affettiva ovvero di prossimi congiunti”, secondo quanto previsto dall’articolo 6, il pm valuta, ”senza ritardo e comunque entro 30 giorni dall’iscrizione del nominativo della persona nel registro delle notizie di reato, la sussistenza dei presupposti di applicazione delle misure cautelari”. Anche i giudici avranno termini stringenti per la decisione sulle misure cautelari.

L’articolo 9 disciplina l’arresto in flagranza differita prevedendo che anche i video e le foto possano essere utilizzati per far scattare l’arresto in flagranza differita nei casi di maltrattamenti in famiglia, reato disciplinato dall’articolo 572 del codice penale, o dello stalking (612 bis).

‘Si considera comunque in stato di flagranza – si legge all’articolo 9 del ddl – colui il quale, sulla base di documentazione video fotografica o di altra documentazione legittimamente ottenuta da dispositivi di comunicazione informatica o telematica, dalla quale emerga inequivocabilmente il fatto, ne risulta autore, sempre che l’arresto sia compiuto non oltre il tempo necessario alla sua identificazione e, comunque, entro le quarantotto ore dal fatto”.

Nell’articolo 10 è trattato il rafforzamento delle misure cautelari e dell’uso del braccialetto elettronico. Mentre prima il braccialetto elettronico veniva applicato solo su richiesta del magistrato ora sarà applicato di norma, salvo che il magistrato dica che non ce n’è bisogno, e comunque con il consenso della persona interessata. In particolare si prevede l’utilizzo del braccialetto elettronico con la prescrizione di ”mantenere una determinata distanza comunque non inferiore a 500 metri dalla casa familiare e da altri luoghi determinati abitualmente frequentati dalla persona offesa, salvo che la frequentazione sia necessaria per motivi di lavoro”.

In questo caso il giudice ”prescrive le relative modalità e può imporre limitazioni”. Inoltre ”con lo stesso provvedimento che dispone il divieto di avvicinamento il giudice prevede l’applicazione, anche congiunta, di una misura più grave qualora l’imputato neghi il consenso all’adozione” del braccialetto elettronico.

Per la ministra Rocella il ‘Ddl interviene su criticità’ vengono ‘rafforzate le misure cautelari’ e ‘velocizza i tempi di interventi a tutela delle vittime’.

La bozza prevede che nei casi in cui alle forze dell’ordine sia segnalato un caso di percosse, lesioni personali, violenza privata, minacce, atti persecutori (stalking), reverge porn, violazione di domicilio e danneggiamento, consumati o tentati, nell’ambito di violenza domestica (quindi fatti non episodici o, anche episodici ma fatti in presenza di minori), il questore, anche in assenza di querela, può procedere, assunte le informazioni necessarie da parte degli organi investigativi e sentite le persone informate dei fatti, all’ammonimento dell’autore del fatto.

Si stabilisce che il provvedimento di sorveglianza speciale possa essere revocato, su istanza dell’ammonito, solo dopo minimo tre anni e dopo la partecipazione a percorsi di recupero.

«Mi veniva voglia, ma so che verrebbe interpretata male, di indire una manifestazione di soli uomini perché il femminicidio è una questione di uomini. Io vorrei vedere una manifestazione di uomini per far capire che c’è bisogno che noi uomini prendiamo coscienza», afferma Ignazio La Russa.

«Una cosa che si può fare subito» contro i femminicidi, ha premesso il presidente del Senato La Russa, «è raddoppiare il numero dei carabinieri, ora sono 600 che si occupano dei reati di genere: ne togliamo 5 per ogni altro settore e li portiamo da 600 a 1.200. Gliel’ho detto ai carabinieri. Ma non basta». E qui appunto è arrivata la proposta di una manifestazione dove in piazza vadano gli uomini. «Il rispetto per le donne nasce in famiglia. Se vedi un figlio che manca di rispetto una ragazza, tiragli un ceffone ma tiraglielo forte, così vedrai che se lo ricorda», ha aggiunto La Russa.

«Condivido lo spirito e lo sostengo da sempre: la violenza sulle donne la subiscono le donne ma è un problema degli uomini. Sono gli uomini che devono mettersi in discussione, tutti, non solo quelli violenti, ma tutti quando assecondano o lasciano andare su comportamenti e linguaggi che denigrano, sviliscono o oggettificano le donne». Alessandra Maiorino, vicepresidente del gruppo M5s al Senato e coordinatrice del comitato politiche di genere e diritti civili del Movimento 5 Stelle commenta  la proposta di una manifestazione di soli uomini, lanciata dal presidente di Palazzo Madama, Ignazio La Russa. «Rilancio a La Russa un’altra proposta – dice la pentastellata – introduciamo l’educazione emotiva e sessuale nelle scuole. È l’investimento da fare per un futuro senza violenza contro le donne».

Promuove la proposta del presidente del Senato anche Laura Ravetto, deputata e responsabile del Dipartimento pari opportunità della Lega. Quella di La Russa «è una buona idea, queste battaglie si fanno con gli uomini, non contro gli uomini»,  dice la deputata leghista.  «Sarebbe giusto che gli uomini si mobilitassero», aggiunge Ravetto.

Circa Redazione

Riprova

Al vertice Nato Giorgia Meloni punta sul fronte sud, governo italiano vuole nomina di un suo Rappresentante

 Punta sul fronte sud Giorgia Meloni, a Washington per prendere parte al vertice Nato. In …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com