Ddl Sallusti: bocciata sospensiva, giornalisti sul piede di guerra

 Bocciata dall’aula del Senato, la questione sospensiva presentata dal Pd sul ddl Sallustoi. Respinta anche la l richiesta di calendario dei lavori alternativo proposto dal Partito Democratico. Il presidente del gruppo Anna Finocchiaro aveva anche  chiesto di discutere la legge elettorale e i decreti prima del ddl Sallusti.

“E’ da sette anni che presiedo il gruppo parlamentare al Senato e sono sette anni che chiedo che l’Aula lavori anche di lunedì. Senza alcun risultato. Ora, invece, per il ddl Sallusti, l’Aula si riunirà. E’ davvero incredibile”, ha dichiarato Finocchiaro

Ha parlato invece di telenovela il presidente del Senato Renato Schifani, secondo cui la discussione del decreto sulla diffamazione  sta impiegando i tempi di una soap opera televisiva. Lo ha detto il Schifani, incontrando in mattinata la scuola di perfezionamento per le forze di polizia, e alludendo al fatto che si sarebbe dovuto assentare dopo il saluto ai giovani presenti in sala.

 

Intanto Il capogruppo Maurizio Gasparri ha difeso intanto la norma ‘salva-direttori’ presentata dal relatore Filippo Berselli. “In fondo l’emendamento dice solo che se il direttore è l'autore dell’articolo anche per lui ci sarà il carcere. Ma se non lo ha scritto e ha solo omesso di vigilare, per lui scatterà la multa”.

“E’difficile ormai trovare anche le parole giuste per descrivere lo scempio del testo sulla diffamazione. A dispetto dei santi e dei diavoli, una risicatissima maggioranza dell’Aula ha deciso il ritorno dall’inferno, dov’era giustamente finito, di un provvedimento che è quasi una garanzia del carcere per i giornalisti e salva, ipoteticamente, solo i direttori. E’ una vergogna inaudita. Un provvedimento nato per eliminare il carcere, l’ha riproposto persino in modo plateale”, ha ribadito Vita.

“Il rispetto per le istituzioni parlamentari non ci fa velo e non ci impedisce di ribadire le ragioni della coerenza e del senso di una giustizia giusta. Al punto in cui si trova, la proposta di legge sulla diffamazione a mezzo stampa è improponibile, fomenta scontro e alimenta ingiustizia. Non passerebbe neppure un serio vaglio di costituzionalità”. A sottolinearlo è il segretario della Federazione nazionale della stampa, Franco Siddi, che chiede con forza lo stop al provvedimento e invoca anche la possibilità del ricorso allo sciopero.

Per Siddi, “sta diventando un'assurda provocazione, quasi una ricerca di scontro sociale, dopo aver già marcato la via, indecorosa, di un regolamento di conti. La saggezza dei vertici parlamentari s'imponga sulle irragionevolezze e sulle spinte muscolari. La temperatura sociale è già molto calda, il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa sta osservando con inquietudine quanto sta accadendo. L'unica risposta, se si vuole il bene dell'Italia, è uno stop a questa proposta di legge diventata impresentabile. Non si surriscaldi ancora la temperatura. Se si avanti così, anche uno sciopero generale potrebbe essere inevitabile”.

Circa admin

Riprova

Il quarantennale della Lega, tra le nostalgie di Bossi e la segreteria contemporanea di Salvini

La Lega compie quarant’anni, ed è il partito più longevo tra quelli presenti in Parlamento, …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com