“Cosa beveva Janis Joplin” all’Off-Off Theatre di Roma

Dal 7 al 9 febbraio 2020 il teatro Off-Off ospita lo spettacolo “Cosa beveva Janis Joplin” di Magdalena Barile, diretto ed interpretato da Roberta Lidia De Stefano, (che insieme ad Annagaia Marchioro forma la compagnia Le Brugole) e Flavia Ripa,vincitrice del Premio Petroni 2018 al Woderland Festival.  Lo spettacolo è un tributo alle storie delle grandi blueswomen del XX e XXI secolo, da Billie Holiday a Janis Joplin, da Bessie Smith a Whitney Houston. Sono donne forti ed affascinanti, con voci magnetiche e storie terribili di grande sofferenza.
È proprio la sofferenza il motus interiore che le spinge a cantare con tanta passione: “scegli un dolore tra quelli che hai, e canta per quello”, recita Roberta Lidia De Stefano che interpreta la protagonista, Ma’, una cantante blues di successo con un animo turbolento e una dipendenza da alcol.
Anche la dipendenza accomuna le storie di molte cantanti soul, blues e jazz, come l’alcolismo per Janis Joplin e l’eroina per Billie Holiday e Whitney Houston.
La protagonista attraverso il rapporto con Pi’, la sua giovane chitarrista, interpretata da Flavia Ripa, scandaglierà l’intimità dei suoi pensieri e dolori, alla ricerca di una propria assoluzione interiore. In parte concerto, in parte teatro, lo spettacolo risulta divertente, sensuale e accattivante.
La scenografia è semplice, ma essenziale: un tavolo nero al centro con delle sedie, e, immancabilmente, una bottiglia di whisky al di sopra con dei bicchieri.
Le due attrici protagoniste insieme formano un duetto complementare e armonico, si rispecchiano l’una nell’altra, si ritrovano. L’una è alta, veste colorati vestiti anni ’60, è agitata e parla o canta continuamente, l’altra è minimal, veste bianco o nero, ha una sofferenza introspettiva, non parla e non smette mai di suonare. L’una è il genio folle, l’altra è il moderatore, e insieme creano della musica che sa emozionare. Amore e odio, vita e morte si rincorrono e si mescolano e lo spettacolo appare incredibilmente vero, come vera e poetica è l’esistenza, anche nei suoi aspetti più tragici. L’energia attoriale richiama il pubblico che interagisce piacevolmente, le due attrici sono sensuali e brutali, ma mai banali o volgari. Le canzoni scelte sono i cavalli di battaglia del repertorio musicale degli anni ’60-70, ma vengono rese uniche dalla voce poliedrica di Roberta Lidia De Stefano e il riarrangiamento espressivo di Flavia Ripa.
Cosa beveva Janis Joplin è un tributo all’arte e alla realtà umana dell’artista, che non esiste laddove non c’è eccesso e sofferenza. È un tributo alla musica che sa parlare delle crudeltà della vita, e grazie alla quale c’è speranza di fuggire all’autodistruzione.
La compagnia proseguirà il tour teatrale con delle date in Abruzzo e Lombardia.

Trovandosi alla fine di questo breve scritto e rileggendo il titolo sorge spontaneo e doveroso chiedersi: … ma quindi, cosa beveva Janis Joplin?
La risposta è il Southern Comfort, un whisky con frutta e spezie dal sapore dolcissimo, che la cantante consumava a quantità elevate al fine di raggiungere l’effetto anestetizzante per le corde vocali dolenti e indebolite.

Maria Teresa Filetici

7 febbraio ● 9 febbraio 2020

Off/Off Theatre
Via Giulia 20, Roma 00186
Biglietteria: 06 89239515

Circa Redazione

Riprova

II EDIZIONE THE SICILY INTERNATIONAL FOLK FESTIVAL

Dalla Sicilia un messaggio di fratellanza, in un periodo storico complicato a livello mondiale. Dopo …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com