Calcio. Luis Enrique: “Andiamo a Torino e battiamo la Juve”

”Possiamo essere i primi a battere la Juve, è una motivazione unica. Non firmo per il pareggio, voglio vincere e rischio tutto per riuscirci”. Luis Enrique carica la Roma alla vigilia della gara in programma domani sul campo della Juventus capolista. I giallorossi, che inseguono il terzo posto, sognano di essere i primi a battere la Vecchia Signora nel campionato 2011-2012. I bianconeri, infatti, non hanno ancora perso. ”Pensavo che la Juve, per storia e qualità della squadra, potesse lottare per il campionato. Mi sorprende il fatto che non abbia ancora perso, gioca sempre con la stessa intensità: affronta tutte le squadre allo stesso modo, l’allenatore sta facendo un lavoro straordinario e per questo la squadra lotta per il titolo. Contro la Juventus non si può sbagliare: in Coppa Italia abbiamo giocato una buona gara e abbiamo perso 3-0”, dice il tecnico giallorosso. ”La differenza in classifica è chiara, ma la gara è aperta. Faremo quello che abbiamo sempre fatto, giocheremo la nostra partita in casa della capolista. Io cerco di trasmettere la mia idea ai giocatori: integralista? E’ una parola brutta…”, aggiunge l’allenatore asturiano. ”La classifica non mente, ci sono solo 4 squadre che stanno facendo meglio di noi e vogliamo giocare in Europa il prossimo anno. Ognuno merita i punti che ha: noi non abbiamo avuto un rendimento regolare e per questo siamo lontani dalla vetta”, spiega ancora Luis Enrique, che non offre indicazioni definitive sulla formazione.

Circa redazione

Riprova

Lo scudetto a Napoli, esplode la festa in città.  Cori, bandiere e fumogeni all’esterno dello stadio Maradona

Pareggiando 1-1 in casa dell’Udinese il Napoli è campione d’Italia a cinque giornate dal termine. …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com