Antonello Venditti: “Volevo suicidarmi. Così Lucio Dalla mi salvò la vita”

Antonello Venditti in una lunga intervista a Il Corriere della Sera ripercorre la sua vita privata e la sua carriera e parla anche di un fatto molto drammatico.

A proposito della canzone Ci vorrebbe un amico il cantante rivela che si trattava di “Lucio Dalla. Lucio mi salvò la vita, al tempo della mia separazione. Fu lui a capire che mi dovevo allontanare da Roma, e così per due anni vissi al castello di Carimate, in Brianza, dove venivano i più grandi artisti italiani a incidere i loro dischi. Pino Daniele, i Pooh, Fabrizio De André. Con Fabrizio passavamo notti a parlare, ad approfondire le nostre vite. Fu allora che diventammo davvero amici. Ma poi loro il venerdì partivano; io restavo solo. Sull’orlo del baratro. Entravo in un posto e dovevo uscire. Tutto mi faceva paura”, racconta.

Venditti aveva “paura di me stesso. Della mia fragilità. E anche di salire sul palco. Paura di non essere amato. Più volte pensai di farla finita. Magari schiantandomi in macchina. Poi temevo di far del male agli altri. Avrei potuto centrare un albero. Ma guidavo troppo bene…”. E poi “dopo due anni Lucio capì che per me era il momento di tornare a Roma: la città dove c’erano Simona e mio figlio. Un’angoscia tremenda. Mi trovò casa, a Trastevere. E mi convinse a riprendere i concerti”.

Sulla separazione da Simona Izzo “ne parla già lei, fin troppo”. Così parla del suo essere padre, “anche da lontano, telepaticamente. Con mio figlio ci siamo trovati sulla stessa lunghezza d’onda. Un fisico quantistico le direbbe che è possibile”.

Circa Redazione

Riprova

 CilentArt Fest 2024

Più di 20 spettacoli in 12 giorni, più di 50 artisti, oltre 20 location per …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com