Ambasciata Usa e il sogno proibito di Carlo Calenda: ‘Entrare nel governo dopo le europee’

Carlo Calenda punta al governo: “Alle Europee prendo il 7% e a gennaio 2025 entro nel governo Meloni al posto di Matteo Salvini”. E’ questo il succo delle parole pronunciate nella colazione tenutasi all’ambasciata Usa, di cui Il Giornale svela tutti i retroscena. “Ma ti pare che io possa fare un’alleanza con chi vuole trattare la pace con Vladimir Putin? O con chi mette in discussione la collocazione dell’Italia nell’alleanza atlantica? La mia agenda e quella di Meloni sono perfettamente compatibili su molti punti. Sulla giustizia la pensiamo come Carlo Nordio. Sull’Ucraina e il Medio Oriente, Meloni merita gli applausi. Sull’autonomia differenziata Meloni e Antonio Tajani sono contrari come noi”, il discorso del leader di Azione davanti agli statunitensi.

Nei piani di Calenda c’è quindi la volontà di fare un governo con meloni e Tajani, dando poco peso alla possibilità di un campo largo a sinistra. Il punto di partenza sarebbe quello di un botto alle elezioni di giugno: “Senza la zavorra di Matteo Renzi posso prendere il 7”. Ma basta vedere i numeri per capire che la strategia dell’ex ministro fa acqua, visto che alla Camera e al Senato, in caso di addio della Lega e di un suo subentro, non ci sarebbe la maggioranza. “I numeri, almeno in questa legislatura, smontano il sogno proibito’ di Calenda. Però va detto che sull’asse Calenda-centrodestra qualcosa si muove. Luca Cordero di Montezemolo, padrino politico e lavorativo di Calenda, è diventato un meloniano di ferro”, il resto del dietro le quinte svelato dal quotidiano diretto da Alessandro Sallusti.

Circa Redazione

Riprova

Amministrative, il Pd calabrese: “L’autonomia differenziata è legge con la complicità di Occhiuto e alleati”

«Con la complicità dei propri parlamentari calabresi e del presidente Roberto Occhiuto, il centrodestra nazionale …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com