Afghanistan tragedia umana e geopolitica

Fino a pochi giorni fa si pensava che il Paese più pericoloso al mondo fosse Taiwan perché al centro di un probabile scontro armato tra Usa e Cina, ma nelle ultime ore, il mondo si è reso conto che lo è diventato l’Afghanistan. L’occupazione da parte dei talebani è certamente l’aspetto più angosciante: qualsiasi afghano che abbia sperato in un minimo di libertà, è minacciato moralmente e fisicamente, totalmente terrorizzato. L’altra tragedia che rapidamente si sta delineando, è geopolitica e non solo a causa del disastroso ritiro delle truppe americane, ma c’è un concreto pericolo nucleare che può venire dal vicino Pakistan. L’allarme è altissimo e tutte le cancellerie europee, Usa, Cina e Russia ne sono consapevoli. La presa di Kabul apre la strada, di fatto, alla destabilizzazione del Pakistan. La vittoria dei Talebani è destinata ad influenzare le frange estremistiche e terroristiche pakistane, che hanno sempre intrattenuto rapporti con i talebani, senza contare che i sevizi di sicurezza di Islamabad hanno appoggiato i talebani e sostenuti anche finanziariamente. Ma quello che pochi sanno è che il Pakistan possiede 160 testate nucleari. I talebani vengono considerati molto vicini a loro, non solo dal punto di vista religioso ed ideologico, ma un vero baluardo contro l’influenza dell’India che nel passato ha appoggiato l’Afghanistan. I talebani pakistani hanno come obiettivo di rovesciare il governo di Islamabad. Quindi un governo talebano a Kabul, darà più forza e creerà probabilmente seri problemi al Presidente pakistano, Imran Khan, leader debole e ostaggio dei militari che di fatto governano il Paese. i politici e i militari pakistani hanno svolto un ruolo ambiguo, intrattenendo rapporti sia con molti Paesi occidentali che con i Talebani. L’estremismo islamista ha condizionato, già, di fatto la società pakistana e l’ha divisa. Il settarismo e il radicalismo islamico ad Islamabad dilaga e l’Occidente e Cina compresa sembrano nascondere il capo sotto la cenere. La caduta di Kabul complica inevitabilmente il quadro geopolitico internazionale, già di per sé abbastanza aggrovigliato, per questo i governi con le loro diplomazie stanno cercando di porvi rimedio. Al solo pensiero che una potenza nucleare come il Pakistan, possa essere destabilizzata dagli islamisti, e che questi possano mettere le mani sugli arsenali nucleari, si rimane scioccati e terrorizzati. La vittoria talebana a Kabul, inevitabilmente finirà per rafforzare i movimenti terroristici islamici in tutto il mondo. Con gli Stati Uniti sconfitti e ridimensionati e con il fardello che è costituito per loro da Taiwan , l’Afghanistan rischia di cancellare parecchie super potenze e di permettere l’ascesa di nuove. Auguriamoci che lo zio Tom non perda la sfida finale.

Andrea Viscardi

Circa redazione

Riprova

Non esiste più l’America gendarme del mondo

Nel vedere il viso rattristato e gli occhi bagnati da lacrime mal represse, siamo rimasti …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com