Un aereo britannico con 189 passeggeri a bordo il 23 agosto scorso ha evitato un missile mentre si avvicinava all'aeroporto di Sharm El Sheikh. Il sito del quotidiano Daily Mail scrive che razzo è arrivato a 300 metri da un velivolo della compagnia Thomson, partito da Londra Stansted, ma il pilota ha attuato una manovra evasiva ed è riuscito ad atterrare senza problemi. Il missile sarebbe stato lanciato dalle forze armate egiziane durante un'esercitazione. Roma, 7 novembre 2015. ANSA/THOMSON

Turbolenze in aereo: quando sono pericolose? I segnali d’allarme

La sicurezza dei passeggeri sui voli aerei può essere messa a rischio da condizioni meteorologiche avverse.

La situazione più estrema e pericolosa è ovviamente lo schianto del velivolo al suolo o in mare, il vero e proprio “disastro aereo” – qui i cinque incidenti aerei con il maggior numero di vittime  nella storia dei voli commerciali – che spesso va a determinare la morte di buona parte dei passeggeri e dell’equipaggio.

Incidenti in aereo: non ci sono soltanto i “disastri”

Non tutti sanno che le turbolenze nei cieli possono creare gravi problemi anche quando – fortunatamente – non si verifica un vero e proprio incidente aereo. Capita infatti molto più spesso di quanto si creda che passeggeri e membri dell’equipaggio di voli commerciali – inclusi quelli fascia alta o altissima, come i viaggi sui jet privati – riportino lesioni anche abbastanza importanti dopo un viaggio “movimentato”.

Nel periodo che intercorre tra il 2009 e il 2021 sono stati segnalati 30 casi di passeggeri e ben 116 membri dell’equipaggio gravemente feriti a causa delle turbolenze in volo. Bisogna però sottolineare che le compagnie aeree non sono tenute a segnalare gli infortuni più lievi, di conseguenza il numero totale degli episodi è evidentemente sottostimato.

Con “lesioni gravi” si intende infatti definire soltanto:

  • ferite che richiedono il un periodo di ricovero superiore ai due giorni
  • fratture ossee
  • lesioni che determinano gravi danni a muscoli, tendini o organi interni
  • ustioni di secondo o terzo grado

Infortuni in aereo: come evitarli

La maggior parte delle persone infortunate non indossava le cinture di sicurezza, alcuni perché diretti verso il bagno, altri perché intenti a prendere qualcosa dalle proprie valige posizionate sullo scaffale superiore. Molto spesso le lesioni sono causate da bagagli che cadono dalle cappelliere e colpiscono le persone direttamente in testa.

Anche per questo motivo la maggior parte degli episodi riguarda i membri dell’equipaggio, spesso infortunatisi durante la preparazione della cabina o nelle fasi di “servizio” – quando si servono cibo e bevande – o durante la raccolta dei rifiuti.

E quindi buona norma indossare prestare massima attenzione quando si decide di “muoversi” in aereo, riducendo al minimo indispensabile gli spostamenti, anche in situazioni apparentemente tranquille. Le condizioni meteo in volo possono infatti variare con estrema rapidità.

A proposito di voli di linea, sapevi che su alcuni voli è possibile telefonare in volo?

Circa Redazione

Riprova

Napoli sepolta dalla cenere: l’allarme in Svizzera. La nota INGV

Un documentario realizzato da una tv pubblica della Svizzera ha lanciato l’allarme sulle eruzioni dei …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com