Tornano le mascherine all’aperto in Italia: dove

Torna l’obbligo delle mascherine all’aperto in molte città e regioni d’Italia, ecco dove e quando entrano in vigore le nuove disposizioni e cosa c’è da sapere

Come prevedibile, anche quest’anno saranno rafforzate alcuni misure sanitarie in vista delle festività natalizie. Chi vuole concedersi una settimana bianca o far visita ai parenti, dovrà osservare le nuove disposizioni previste dal Governo. Negli scorsi giorni, comuni di tutta Italia hanno infatti presentato una proposta in vista delle imminenti festività. L’idea è quella di estendere l’obbligo delle mascherine all’aperto in tutti i comuni d’Italia, dal 6 dicembre al 15 gennaio.

In attesa di un provvedimento nazionale, sindaci e governatori stanno iniziando ad organizzarsi sul piano territoriale, anche per contenere la diffusione della nuova variante comunemente nota come “Omicron”. Ecco le regioni e i comuni che stanno attuando le nuove restrizioni sanitarie.

Dove è obbligatoria la mascherina all’aperto

La prima regione ad essere coinvolta nella sua interezza è la Sicilia, dove il governatore Musumeci ha emesso un’ordinanza per contrastare la diffusione del virus in tutta l’isola. A partire dal 2 dicembre, tutti i cittadini di età superiore ai 12 anni sono tenuti ad indossare la mascherina in tutti i luoghi pubblici e aperti al pubblico.

Cambiano anche le regole per chi vuole visitare la Sicilia: la nuova ordinanza estende l’obbligo di tampone nei porti e aeroporti siciliani ai passeggeri che arrivano dalla Repubblica del Sudafrica, Botswana, Hong Kong, Stato d’Israele, Repubblica Araba di Egitto e Repubblica di Turchia.

Il provvedimento ha inoltre una validità retroattiva: i visitatori giunti in Sicilia nei dieci giorni precedenti l’attuazione dell’ordinanza, dovranno contattare il Dipartimento di prevenzione (Asp) territorialmente competente e il proprio medico di Medicina generale per essere sottoposti a tampone molecolare.

Anche a Roma, con ordinanza entra in vigore dal 4 fino al 31 dicembre e valida nelle vie dello shopping individuate dalla Questura e sottoposte a misure straordinarie di controllo, oltre che in tutti i luoghi in cui non è possibile garantire il distanziamento interpersonale, è obbligatoria la mascherina all’aperto.

Tra le grandi città è poi toccato a Milano, seguita a ruota da Bergamo, Padova, Vicenza, Verona, Torino, Genova, Bologna, Reggio Emilia, Viareggio, Cremona, Como, Pesaro, Monza, Aosta, Cagliari e Cosenza tutte città di Regioni dove i nuovi contagi hanno toccato picchi allarmanti. A Firenze, invece, la mascherina all’aperto è prevista ora soltanto nei weekend. Anche il Friuli Venezia Giulia e Alto Adige, entrambe in zona gialla, sono costrette ad adottare l’uso della mascherina anche all’aperto. In Campania, al contrario di altre regioni, la mascherina all’aperto è sempre stata obbligatoria.

Molta è la pressione affinché l’intero provvedimento venga esteso a livello nazionale. C’è quindi da supporre che questo quadro sia destinato ad evolversi rapidamente.

Circa Redazione

Riprova

Israele nomina Fiamma Nirenstein come consigliere per la lotta all’antisemitismo

Il ministro degli Esteri di Tel Aviv Israel Katz ha nominato un consigliere speciale per la lotta all’antisemitismo. L’incarico …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com