Terzo mandato, la chat dei sindaci Pd: ‘I senatori non ci hanno rappresentato’

Il no al terzo mandato per gli amministratori decretato in commissione Affari costituzionali del Senato apre una lacerazione nel Pd, che ha deciso di non partecipare al voto. C’è una strada lastricata di polemiche tra i dem. La Chat dei sindaci Pd è in subbuglio. A quanto viene riferito la scelta dei senatori dem non è stata affatto condivisa dagli amministratori. Sono furibondi  “per la decisione del partito di non partecipare al voto: scelta che ha indebolito l’emendamento delle Lega, che isolata, l’ha ritirato”.

Il no al terzo mandato è stato votato da FdI, FI, Avs, M5S. Il ragionamento tra i sindaci dem: “Molti  non si sono sentiti rappresentati dal proprio partito e credono che si sia persa un’occasione per dividere la destra ancora di più”.  La “bocciatura” dell’emendamento della Lega che avrebbe dovuto sancire il disaccordo in maggioranza, finisce per sancire un Pd distonico rispetto i suoi amministratori. I dem escono da questa giornata sconfitti.

Per il centrodestra “non è un dramma” quanto accaduto in commissione. E tutte le componenti della coalizione hanno dichiarato che non ci sarà alcuna ricaduta sull’unità del governo: il terzo mandato non era negli accordi di governo, non era in agenda, non terremota alcunché. A sinistra invece la questione terzo mandato ha scoperchiato il vaso di Pandora delle recriminazioni. Lo sottolineano in una nota congiunta i senatori di Fratelli d’Italia Filippo Melchiorre e Marco Lisei, capogruppo di Fdi in commissione Affari costituzionali. “Non sottoscrivendo, infatti, l’emendamento al dl Elezioni presentato e poi ritirato dalla Lega sul terzo mandato ai sindaci, il Pd ha dimostrato di sconfessare le istanze di sindaci dem; desiderosi di candidarsi ancora alla guida delle rispettive città. Ci riferiamo in particolare al primo cittadino di Bari, Antonio Decaro, ma anche a Matteo Ricci a Pesaro e a Dario Nardella a Firenze”. Quindi l’affondo: “Anziché evocare immaginarie divisioni interne alla maggioranza di governo, consiglio al Pd di preoccuparsi delle proprie fratture, che appaiono insanabili”, conclude la nota di FdI.

Raffaella Paita di Italia Viva : “Avevamo chiesto a tutte le opposizioni di fare fronte comune: c’erano le condizioni  per mandare sotto la maggioranza. Purtroppo Pd e Movimento 5 stelle ancora una volta hanno aiutato Giorgia Meloni. Il Pd perde un’occasione solo per regolare i conti interni e dire no a Bonaccini e De Luca” afferma la senatrice di Italia Viva, coordinatrice nazionale del partito.

Circa Redazione

Riprova

Un’altra lista si chiamerà “Stati Uniti d’Europa”: rosa nel pugno e nessun riferimento a Renew Europe

Ci saranno  due liste con la dicitura “Stati Uniti d’Europa” alle prossime elezioni europee di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com