MARIO MORI, GENERALE, EX DIRETTORE SISDE

Stragi mafiose del ’93, indagato il generale Mario Mori. Carabinieri, ‘vicinanza a Mori, ha reso lustro all’Arma’

Nel giorno del suo 85esimo compleanno  Il generale Mario Mori è stato iscritto nel registro degli indagati per le stragi mafiose del 1993. A renderlo noto è lo stesso ufficiale dei Carabinieri, già assolto al processo per la presunta trattativa Stato-mafia.

L’ex comandante del Ros ed ex direttore del Sisde (i servizi segreti civili) deve dunque rispondere per le presunte complicità esterne per gli attentati di Firenze, Milano e Roma del 1993. Deve difendere dai “reati di strage, associazione mafiosa e associazione con finalità di terrorismo internazionale ed eversione dell’ordine democratico. L’atto istruttorio”, specifica la nota rilasciato dallo stesso Mori, “è stato fissato per il prossimo 23 maggio ma verosimilmente verrà rinviato, poiché il mio difensore ha comunicato di non poter essere presente”.

Nello specifico l’indagine in corso a Firenze, coordinata dai procuratori aggiunti Luca Turco e Luca Tescaroli, punta ad individuare i presunti ispiratori politici delle bombe mafiose di via dei Georgofili a Firenze, via Palestro a Milano e san Giovanni in Laterano e san Giorgio al Velabro nella Capitale.

Nel capo d’accusa redatto dai pm fiorentini si legge che Mori, “pur avendone l’obbligo giuridico, non impediva, mediante doverose segnalazioni e/o denunce all’autorità giudiziaria, ovvero con l’adozione di autonome iniziative investigative e/o preventive, gli eventi stragisti di cui aveva avuto plurime anticipazioni” poi verificatisi a Firenze, Roma e Milano, nonché il fallito attentato allo stadio Olimpico

“Supererò quest’ennesima angheria”, commenta il generale nella nota. “Dopo una violenta persecuzione giudiziaria – portata avanti con la complicità di certa informazione e durata ben 22 anni – che mi ha visto imputato in ben tre processi, nei quali sono stato sempre assolto, credevo di poter trascorrere in tranquillità quel poco che resta della mia vita. Ma devo constatare che, evidentemente, certi inquirenti continuano a proporre altri teoremi, non paghi di 5 pronunce assolutorie e nemmeno della recente sentenza della Suprema Corte che, nell’aprile scorso, ha sconfessato radicalmente le loro tesi definendole interpretazioni storiografiche”, scrive il generale nella nota.

“Per questo motivo, quei giudici della Cassazione sono stati duramente criticati dal consesso dei lottatori antimafia nella totale indifferenza del CSM che, dinnanzi a questi violenti e volgari attacchi, tace a fronte di questo disegno che ha come unico obiettivo quello di farmi morire sotto processo”.

“Nel pieno rispetto del lavoro dell’autorità giudiziaria, l’Arma dei Carabinieri esprime la sua vicinanza nei confronti di un ufficiale che, con il suo servizio, ha reso lustro all’istituzione in Italia e all’estero, confidando che anche in questa circostanza riuscirà a dimostrare la sua estraneità ai fatti contestati”,  afferma il comando generale dei Carabinieri in una nota dopo la notizia dell’avviso di garanzia della procura di Firenze al generale Mario Mori.

Circa Redazione

Riprova

Migranti, Irto (Pd) interviene su tragedia in mare vicino Roccella Ionica: “Addolorati e attoniti, sembra la vicenda di Cutro. Sui migranti serve soluzione europea, il governo Meloni si confronti con le opposizioni”

«Siamo addolorati e attoniti per il ribaltamento di un’imbarcazione carica di migranti a poco più …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com