SOS stipendi: quanto diminuiranno con la nuova Irpef

I nuovi tre scaglioni delle aliquote Irpef della riforma fiscale del governo Meloni potrebbero cambiare in maniera importante gli stipendi degli italiani

Il viceministro dell’Economia Maurizio Leo ha annunciato che già a metà mese la riforma fiscale arriverà sul tavolo di Palazzo Chigi. Il Consiglio dei Ministri inizierà a lavorare per un cambiamento che potrebbe avere un impatto importante sulle tasche degli italiani. L’intenzione del Governo dovrebbe essere quella di intervenire in maniera strutturale sul sistema tributario, ma si inizierà per gradi, con la semplificazione delle aliquote Irpef. Gli attuali quattro scaglioni dovrebbero diventare tre, e in una seconda fase si potrebbe passare addirittura a un’aliquota unica. Ma cosa cambierà per gli stipendi? Chi guadagnerà di più e chi guadagnerà di meno?

Quali sono i quattro scaglioni delle aliquote Irpef

A partire dal 2022 sono entrate in vigore le nuove aliquote Irpef, modificate attraverso la legge di Bilancio di quell’anno, come riportate nella tabella seguente.

Reddito imponibile     Aliquota    Imposta dovuta

Fino ai 15 mila euro    23% 23% sull’intero importo (3.450 euro)

Dai 15,001 fino ai 28 mila euro    25% 3.450 euro più 25% sul reddito che supera i 15 mila euro

Dai 28,001 fino ai 50 mila euro    35% 6.700 euro più 35% sul reddito che supera i 28 mila euro

Oltre i 50,001     43% 14.400 euro più 43% sul reddito che supera i 50 mila euro

Gli attuali quattro scaglioni delle aliquote Irpef, spiegati qua nel dettaglio, dovrebbero essere sostituiti, almeno in un primo momento, da tre scaglioni. Il secondo e il terzo, infatti, dovrebbero essere incorporati in un unico scaglione

Come cambieranno le aliquote Irpef: i due scenari

Prima di lanciarsi nella creazione di scenari più o meno convenienti per le varie fasce di lavoratori, bisognerà aspettare una bozza di testo con le effettive percentuali Irpef in relazione alle fasce di reddito. Da quanto è emerso finora, a vedere cambiare sicuramente il netto in busta paga sarà il ceto medio-basso, composto da persone con redditi compresi tra i 15 mila e i 50 mila euro. Sarebbero due le ipotesi al vaglio.

Prima ipotesi

Reddito imponibile     Aliquota    Imposta dovuta

Fino ai 15 mila euro    23% 23% sull’intero importo (3.450 euro)

Dai 15.001 fino ai 50 mila euro    28% 3.450 euro più 25% sul reddito che supera i 15 mila euro

Oltre i 50.001     43% 14.400 euro più 43% sul reddito che supera i 50 mila euro

Questo cambio di rotta dovrebbe costare allo Stato ben 10 miliardi di euro.

Seconda ipotesi

Reddito imponibile     Aliquota    Imposta dovuta

Fino ai 28 mila euro    23% 23% sull’intero importo (3.450 euro)

Dai 28.001 fino ai 50 mila euro    33% 3.450 euro più 25% sul reddito che supera i 15 mila euro

Oltre i 50.001     43% 14.400 euro più 43% sul reddito che supera i 50 mila euro

L’impatto sui conti pubblici, in questo caso, sarebbe inferiore. Circa 6 miliardi di euro.

Stipendi più alti e più bassi con la nuova Irpef

Ma chi ci guadagnerebbe davvero dalla manovra fiscale annunciata qua da Maurizio Leo, e chi invece andrebbe a pagare più tasse?

Nel primo scenario aumenterebbe l’imposta lorda dovuta per i redditi dai 15.001 fino a 30 mila euro all’anno. Quelli di 25 mila euro sarebbero i più penalizzati, con un aumento di tasse di ben 300 euro, senza considerare eventuali sgravi e agevolazioni. Sopra i 30 mila euro, l’Irpef dovuta inizierebbe a calare notevolmente, raggiungendo quota 1.150 in meno dai 50 mila euro di reddito.

Nella seconda ipotesi, invece, tutte le fasce beneficerebbero del cambiamento delle aliquote dell’Irpef. In questo caso chi ha redditi da 25 mila euro all’anno pagherebbe circa 200 euro in meno di tasse, e progressivamente si arriverebbe a 700 euro in più in busta paga per i redditi più alti.

La manovra da 10 miliardi di euro, dunque, penalizzerebbe i redditi bassi e medio bassi, agevolando i più ricchi. Lo scenario meno costoso, invece, comporterebbe un aumento di stipendio per tutti gli italiani che guadagnano più di 15 mila euro. In entrambi i casi i redditi sotto questa cifra non dovrebbero essere interessati dalla riforma fiscale. Che potrebbe introdurre anche la flat tax per le partite Iva, come spiegato qua.

Circa Redazione

Riprova

Cnpr forum, giovani e terzo settore protagonisti per lo sviluppo delle periferie

Battilocchio (FI): “Risposte concrete e chi si sentiva cittadino di serie B” Penza (M5s): “Riqualificare …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com