Sicilia, lavoro e diritti. All’ARS DDL contro divario retributivo uomo/donna. Pellegrino (FI): “Passi importanti per superare disparità di genere”

Superare il divario retributivo fra uomini e donne in Sicilia, attraverso una serie di misure di sostegno per le donne, per le famiglie e per le imprese e attraverso attività di sensibilizzazione e certificazione in materia di politiche aziendali virtuose per la parità di genere.

E’ quanto prevede il disegno di legge regionale approvato dalla Prima commissione dell’ARS.
La proposta di legge proseguirà ora il suo iter parlamentare per l’approvazione definitiva da parte di Sala d’Ercole.
Fra le misure previste, la riduzione del 50% dell’IRAP per un triennio per le nuove assunzioni di donne a tempo indeterminato, la costituzione di un albo regionale di imprese virtuose certificate, che potranno accedere ad ulteriori agevolazioni e contributi, la previsione di voucher per servizi di babi-sitting o caregiver che facilitino la conciliazione dei tempi di vita privata e lavoro all’interno delle famiglie.
A questo si aggiunge l’istituzione di uno “Sportello donna” presso ciascun Centro per l’impiego della Regione, con l’obiettivo di favorire l’incontro fra domanda e offerta di lavoro per le donne, creare una piattaforma unica di gestione dei curricula delle donne in cerca di occupazione per favorire l’incontro con le aziende operanti nel territorio, offrire servizi di orientamento, monitorare le violazioni della normativa vigente in materia di parità retributiva.
La Regione infine, attraverso un sistema di premialità, incentivi e benefici economici, potrà sostenere sia l’avvio di nuova imprenditorialità femminile sia quelle aziende che siano state “certificate” come virtuose nell’applicazione della normativa sulla parità retributiva.
Commentando l’approvazione del Disegno di legge, il capogruppo di Forza Italia Stefano Pellegrino ha dichiarato che “si è compiuto un altro passo affinché anche in Sicilia si affronti in modo organico e significativo il problema della differenza retributiva fra uomini e donne, che ha una pesante ricaduta sull’occupazione femminile e, più in generale, sui diritti delle donne.
Con questo disegno di legge si prevede un pacchetto di strumenti che affrontano il problema sotto diversi punti di vista, motivo per cui ci auguriamo che l’iter parlamentare proceda quanto più speditamente possibile.”

Circa Redazione

Riprova

Cda rinnovato per Agenzia del lavoro: tra le priorità l’occupazione femminile

Una governance rinnovata, all’insegna della continuità ma anche delle nuove sfide come l’occupazione femminile e …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com