Si è spento Federico Salvatore, cantautore e cabarettista napoletano

Il popolare artista aveva 63 anni. Nel 2021 fu colpito da una grave emorragia cerebrale; da allora non si era più ripreso. Affranta la moglie Flavia D’Alessio che non è riuscita a salutarlo. Il successo con “Azz..”: 700mila copie e 2 dischi di platino; la censura a Sanremo per un brano sull’omosessualità. A darne l’annuncio è la moglie Flavia D’Alessio, affranta non essere riuscita a salutarlo prima della fine, che ha raccolto le sue emozioni e le sue forze in una nota: “Sono stati i mesi più difficili e dolorosi della nostra storia d’amore. Mesi in cui ho pregato e sperato che lui tornasse a casa da me e dai ragazzi, tra le persone che lo amano…” – si legge tra l’altro – “La cosa più complicata è gestire il dolore. Federico è andato via in un’ora”. I funerali si terranno domani, giovedì 20 aprile alle 12.30 nella Chiesa di San Ciro a Portici. In un primo momento era stata scartata l’ipotesi di una cerimonia pubblica e si era pensato ad una cerimonia privata. Poi, la decisione di consentire ai tanti amici e colleghi di salutarlo per l’ultima volta. “È successo tutto velocemente. In un primo momento avevo pensato a una cerimonia privata ma non sarebbe stato giusto. Federico non avrebbe voluto. Le persone che hanno seguito Federico nella sua carriera artistica non sono semplicemente fans. Sono suoi amici. Tutti gli artisti che hanno collaborato con lui non sono stati solo colleghi. Sono i suoi amici. Mi sembra giusto dare a tutti loro la possibilità di un ultimo saluto a Federico. Cosa che non sono riuscita a fare io. Non sono riuscita a salutarlo” – continua Flavia. Federico Salvatore, dopo l’emorragia cerebrale che lo colpì nell’ottobre 2021, aveva iniziato un lungo percorso di riabilitazione. Dettagli sulle sue condizioni di salute sono stati forniti nel tempo dalla moglie, attraverso alcuni post su Facebook. “Il percorso riabilitativo procede bene” aveva scritto nel febbraio 2022. Risale a giugno 2022, la foto delle loro mani unite, mentre nell’ultimo post che risale al 17 settembre 2022, giorno del compleanno di Federico Salvatore, si legge: “E’ stato un compleanno diverso, ma pieno di Vita, nel suo senso più grande, che per assurdo si manifesta maggiormente quando la vita stessa ci spoglia di tutto, e ci restituisce l’essenziale, l’Amore che cura e guarisce. Federico continua con forza e tenacia il suo percorso riabilitativo. Buon compleanno Federico”. È lutto nel mondo dello Spettacolo. In lacrime tanti colleghi. “Un artista vero, colto e popolare, dall’animo sensibile” – sottolinea la cara amica Lucia Cassini, cantante, attrice e produttrice napoletana – “un cantastorie dei nostri giorni che sapeva proporre al pubblico denunce sociali e momenti di poesia, sapendo cogliere spunti di qualità e facendoli propri, innescando con abilità ed efficacia il meccanismo della riflessione nell’ ascoltatore”. Ricordiamo i successi di Federico Salvatore, il “cantattore”. Era noto nel mondo dello spettacolo e della musica italiana per i suoi testi comico-satirici. Al suo attivo, 17 album e 9 libri. Incidente al Vomero, Incidente in Paradiso, Ninna Nanna: sono tra i suoi pezzi più noti. Nel 1996, al Festival di Sanremo presentò Sulla porta: canzone che racconta la storia di un ragazzo che fa coming out sulla propria omosessualità alla madre, e viene cacciato di casa. La carriera con il successo arrivato con “Azz..”: 700mila copie vendute e due dischi di platino. Poi, brani tormentoni di successo e piccoli capolavori come “Napolitudine”. Il cantattore sapeva collegarsi a Giorgio Gaber come a Fabrizio De Andrè, alla tradizione culturale partenopea, attingendo energie da Basile, Di Giacomo, gli Squallor e Pino Daniele.

Teresa Lucianelli

Circa Redazione

Riprova

Sinfonia del Gusto presenta il nuovo menu e inaugura il bel dehors esterno

La Sinfonia del Gusto – nel quartiere Nomentano – il nuovo menu parla di una …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com