foto da questura Prato

Saman Abbas, la lettera anonima su dove trovare il corpo: le indagini

“Se volete trovare Saman Abbas dovete cercarla nella zona chiamata Bagna nelle valli tra Novellara e Guastalla. È stata buttata in acqua, tagliata a pezzi per farla mangiare dai pesci e animali”. Si legge così nella lettera anonima inviata alla redazione del Resto del Carlino, che aggiunge ancora più mistero sul caso di Saman Abbas, la 18enne di origini pakistane scomparsa lo scorso aprile nelle campagne di Novellara, in provincia di Reggio Emilia.

Il messaggio è adesso al vaglio degli investigatori per verificarne la credibilità, ma potrebbe aprire una pista ulteriore sulle ricerche finora senza esito del corpo della giovane, vittima probabile di brutale omicidio da parte dei parenti, tra i quali risultano 5 indagati.

Sulla vicenda il colonnello del Comando provinciale dei Carabinieri, Cristiano Desideri, ha assicurato il massimo sforzo nelle operazioni dei militari: “Le attività investigative proseguono in modo attivo al massimo livello. Ciò significa che, esaurita la fase investigativa maggiormente orientata alla ricerca del corpo della ragazza, ora l’attività di indagine ha assunto una natura diversa. Non meno importante e, soprattutto, non meno intensa anche se lontana dalle luci dei riflettori e senza quell’impatto mediatico avuto nei mesi scorsi” ha detto il colonnello in conferenza stampa.

“Abbiamo degli indicatori che ci fanno ritenere altamente probabile la presenza all’estero dei vari autori di questo delitto – ha proseguito Desideri. Per altro sulla collocazione geografica di vari soggetti legati a questa vicenda, sono state propagandate versioni destituite di ogni fondamento in questi mesi.”

Infine sulle segnalazioni il colonnello ha chiarito: “Ne abbiamo ricevute di ogni tipo e di ogni sorta di contenuto. Non ci siamo mai permessi di scartarne una. Non abbiamo trascurato nulla, né, tanto meno, abbiamo sottovalutato alcunché. Anche laddove qualcuno diceva di ‘sentire’ qualcosa.”

Il ministero della Giustizia e l’Interpol hanno fatto una nuova mossa che ribalta la posizione dei genitori della ragazza di origine pakistana.

Il Ministero della giustizia ha infatti disposto l’inserimento del padre e della madre di Saman Abbas nella banca dati Interpol. Ciò equivale a una richiesta di arresto provvisorio, ovunque siano localizzati.

Così, una volta individuati o arrestati dalle autorità di polizia locali, il Ministero della Giustizia potrà inoltrare la domanda di estradizione. A specificarlo sono fonti dello stesso ministero.

Circa Redazione

Riprova

Teatro Trastevere: Lo spettacolo “Miglior regia” al Premio Fersen 2021 -SAFE- dal 5 al 7 novembre

Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta LO SPETTACOLO EVENTO SAFE dal 5 al 7 novembre 2021 …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com