Processo Delmastro e 4 parlamentari Pd parte civile

Quattro parlamentari del Partito Democratico sono stati ammessi dal tribunale di Roma come parti civili nell’ambito del processo che vede imputato il sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro con l’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio nell’ambito della vicenda Cospito. Debora Serracchiani, Walter Verini, Andrea Orlando e Silvio Lai. La richiesta era stata avanzata nella prima udienza del processo, lo scorso 12 marzo. Il giudice ha sciolto la riserva ammettendo la richiesta dei parlamentari Pd: «È legittimo che «vengano riproposte le domande di costituzione di parte civile già respinte dal giudice dell’udienza preliminare». Nella lista dei testimoni il ministro Carlo Nordio, Giovanni Donzelli (FdI) e il capo del Dap Giovanni Russo. Processo aggiornato il 12 giugno.

I quattro parlamentari andavano a trovare «per ragioni umanitarie» chi  aveva provato a massacrare con una bomba degli allievi carabinieri, a consolare un terrorista che aveva gambizzato per odio ideologico un dirigente dell’Ansaldo, ad ascoltare un detenuto che si faceva portavoce delle richieste dei boss mafiosi. Ora, i quattro parlamentari del Partito Democratico, protagonisti degli incontri in carcere con l’anarchico Alfredo Cospito, potrebbero anche mettersi in tasca un bel gruzzolo di soldi. Sono stati ammessi come parti civili nel processo in corso a Roma contro Andrea Delmastro delle Vedove, il sottosegretario alla Giustizia che rese noti al collega di partito Giovanni Donzelli quegli incontri, e che oggi è imputato di rivelazione di segreti d’ufficio. Se Delmastro venisse condannato, i quattro dem porterebbero a casa un risarcimento che si annuncia consistente.

Circa Redazione

Riprova

Alessandro Previti Responsabile del Circolo di Rometta del Movimento Politico “Partiamo da qui”

Un’altra promessa mantenuta. Era stato annunciato i primi di maggio e adesso è realtà. Il …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com