Piano Casa e condono edilizio

Un testo definitivo non c’è, e men che meno riferimenti tecnici che in questi casi sono decisivi per definire cosa è perdonabile e cosa no. Ma il piano Casa annunciato di Salvini si concentra su una serie di “famiglie” di abusi edilizi e difformità sanabili pagando. Ecco quali

Difformità Edilizie interne

È il caso di un’abitazione con una disposizione degli spazi diversa dalla planimetria: come può essere un muro spostato, un soppalco o una finestra posizionata in diversamente. Si valuta anche il tema delle tolleranze costruttive, con l’ipotesi di riparametrare in misura inversamente proporzionale alle dimensioni dell’unità immobiliare la percentuale del 2% quale limite al rispetto dell’altezza, dei distacchi, della cubatura, della superficie e di ogni altro parametro edilizio.

Difformità di natura formale

Può succedere, soprattutto per immobili datati, che manchi l’ultimo titolo edilizio, che costituisce lo stato legittimo dell’immobile. A legislazione vigente è già possibile avvalersi di altri riferimenti documentali, come titoli d’acquisto (rogito o planimetria), oppure rilevamenti fatti con i sorvoli. Le norme allo studio dovrebbero facilitare l’accertamento dello stato legittimo dell’immobile anche nel caso in cui non esistano altri elementi, mediante Scia (Segnalazione certificata di inizio lavori) in sanatoria e il pagamento di una sanzione.

Doppia conformità

È il caso delle modifiche che potevano essere sanate quando venne realizzato l’intervento, ma che oggi, ma anche di sanare quelli non conformi all’epoca ma conformi oggi. Ad esempio una casa costruita con una metratura più ampia rispetto al titolo edilizio: quando venne fatto era possibile, ma oggi lo strumento urbanistico vigente non lo consente più. L’intervento mira a superare il principio della «doppia conforme», consentendo di sanare i manufatti conformi all’epoca ma non oggi.

Regolarizzazione dei titoli prima del 1977

Per risolvere il problema delle «varianti in corso d’opera», che prima del 1977 non erano disciplinate, la soluzione allo studio è di consentirne la regolarizzazione mediante Scia e pagamento delle sanzioni. È il caso di immobili costruiti più di 47 anni fa con variazioni rispetto al titolo originario: possono essere piccoli interventi come lo spostamento di una finestra, ma anche interventi di maggior rilievo come la costruzione di un piano in più rispetto a quello previsto dall’allora titolo edilizio. Se all’epoca la variazione non era normata e quindi non costituiva necessariamente abuso, il problema potrebbe porsi ad esempio nel caso di una compravendita. L’obiettivo è di consentire comunque di sanare la modifica, correggendo così una situazione di non totale certezza.

Circa Redazione

Riprova

Finanza locale, ANCI Sicilia in audizione alla Corte dei Conti

Crisi finanziaria dei comuni siciliani e possibili interventi: ieri pomeriggio audizione dell’ANCI Sicilia alla Corte …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com