PAT – Villaggio olimpico di Predazzo, pubblicata la gara per il padiglione “Musto”

L’Agenzia provinciale per gli appalti e i contratti ha pubblicato il bando di gara, con importo a base d’asta di 7.224.804,82 euro, per i lavori del padiglione “Musto”. È il quinto dei lotti che compongono la realizzazione del Villaggio olimpico e paralimpico presso la scuola alpina della guardia di finanza di Predazzo. Dopo l’aggiudicazione la settimana scorsa del Padiglione Macchi e l’affidamento del padiglione Latemar (aggiudicazione all’impresa costruzioni Tollot srl, 5.371.703,92 euro l’importo a base d’asta) arriva ora l’ultima delle pubblicazioni di gara per la struttura di accoglienza che sarà riservata agli atleti e alle atlete dei Giochi invernali 2026 in Trentino. “Un ulteriore passo positivo per la fase realizzativa del Villaggio olimpico e paralimpico, che fa parte degli investimenti concordati con lo Stato, la Fondazione Milano Cortina 2026 e il Coni per prepararci al meglio come territorio in vista del grande evento a cinque cerchi. Va inoltre sottolineato, riguardo agli appalti delle opere olimpiche, il buon riscontro registrato finora da parte le imprese, che sono fondamentali per dare attuazione agli interventi”, afferma il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti.

“Il Trentino sta facendo il massimo sia dal punto di vista della riqualificazione degli impianti che dell’allestimento degli spazi di ospitalità per atleti e staff – le parole della vicepresidente e assessore allo sport Francesca Gerosa -. Questi interventi funzionali all’evento olimpico saranno poi utili alla Scuola alpina della Guardia di finanza per lo sviluppo delle importanti attività che caratterizzano il presidio, confermando quindi l’eredità positiva post olimpica e paralimpica dei Giochi 2026 in Trentino”.

L’intervento per il padiglione “Musto” (unità funzionale 5 del Villaggio olimpico e paralimpico) ha un costo complessivo di 9,65 milioni di euro, che corrispondono al costo dei lavori più le somme a disposizione per imprevisti e altre voci. È uno dei cinque interventi previsti per la riqualificazione della scuola alpina della guardia di finanza, che prevede costi complessivi pari 50,3 milioni di euro. Assieme agli altri interventi già citati, ovvero il padiglione “Latemar” (unità funzionale 2) e padiglione Macchi (lotto 3), figurano il “Nuovo padiglione” (lotto 1) e il padiglione “Nicolaucich” (lotto 4).

Ad essere competente sull’esecuzione delle opere è l’Agenzia Provinciale per le Opere Pubbliche – Servizio Opere Civili della Provincia autonoma di Trento, delegata dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia del Demanio in base ad un accordo firmato anche da Fondazione Milano Cortina 2026 e Coni.

Descrizione dell’opera (adeguamento del padiglione “Musto”)

L’intervento prevede l’adeguamento sismico della struttura principalmente per via della riduzione nel numero dei piani sopra terra, la rimodulazione degli spazi interni al fine di ottimizzare gli spazi dedicati alla palestra e all’auditorium, la realizzazione di 7 nuovi alloggi nonché la realizzazione di un nuovo spazio dedicato al futuro simulatore dell’elicottero.

Importo lavori: prezzo dei lavori a base di appalto 7.224.804,82 euro di cui 366.239,81 euro per la sicurezza

Tempo di esecuzione dei lavori: 450 giorni naturali e consecutivi.

Scadenza termine presentazione offerte: 7 maggio 2024

Prima seduta di gara: 8 maggio 2024

RUP: ing. Marco Gelmini

Circa Redazione

Riprova

Dal Trentino nessuna risorsa per la gestione della pista di Cortina

Nessuno schema di accordo adottato dalla Provincia di Trento così come non risulta sia stata …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com