Meloni: ‘Il Superbonus, costato 140 miliardi, è stato utile solo alla propaganda elettorale di Conte’

«I bonus edilizi voluti dal governo Conte sono costati 140 miliardi. Mediamente una legge di bilancio di un anno – la legge più importante – vale 20-30 miliardi di euro. Questo vuol dire che sono state impiegate da 4 a 6 leggi finanziarie per il superbonus. Qualcosa non deve aver funzionato», in parte per «le stime sbagliate, doveva avere un costo ne ha avuto ben altro», in parte per «come sono state scritte le norme. Se oggi abbiamo 12 miliardi di truffe, forse quelle norme non sono state scritte bene». L’ha detto la premier Giorgia Meloni, ospite di Porta a Porta. «Poi per carità, sono sempre utili i provvedimenti in edilizia. Ma quel che metti da una parte la togli a un’altra. Quando Conte diceva, in campagna elettorale, che gli italiani avrebbero ristrutturato gratuitamente, mi corre l’obbligo di segnalare che il superbonus è costato a ogni italiano, compresi i neonati e chi una cosa non ce l’ha, 2.000 euro per ristrutturare il 4% del patrimonio edilizio, compresi castelli». Sono soldi tolti «alla sanità, alle pensioni e alle persone più in difficoltà», «140 miliardi per la campagna elettorale di Conte», affonda la premier. Si tratta di un intervento «che abbiamo pagato tanto», con il messaggio “spenderete gratuitamente, così andranno bene le elezioni”».

Ma non solo. «Rivendico la normativa che tassa l’extragettito delle banche. Se ci sono correttivi possiamo valutarli, ma non faccio marcia indietro». Dunque, «modifiche si ma a parità di gettito». Tre miliardi e rotti di entrate dunque? «Poco meno…». Poi un sorriso: «La mia vita privata, attualmente non c’è nulla oltre quello che deve essere fatto… . Vita privata? What vita privata?», ha ironizzato la premier. L’affondo sul reddito di cittadinanza: «Le dichiarazioni di una delle mamme delle vittime dello stupro di Caivano alla vostra trasmissione sul reddito di cittadinanza sono spaventose. Se, come in molti sospettiamo, i soldi del reddito di cittadinanza” in alcune aree sono gestite dalla camorra, allora la magistratura deve andare fino in fondo». Questa signora – ha riassunto la Meloni – «dice una cosa che ho trovato spaventosa, è percettrice di reddito di cittadinanza, il giornalista chiede: gestiva lei queste cose? No? E chi le gestiva? Non lo so, ha risposto lei. Ecco, il “non lo so” è spaventoso, molti di noi sospettano la stessa cosa».

Circa Redazione

Riprova

Meloni e Schifani e patto per la Sicilia da 6,8 miliardi di euro

Un patto da 6.8 miliardi di euro, con 580 interventi previsti e gli investimenti maggiori …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com