Marino Bartoletti perde la pazienza e attacca la Rai: Serve rispetto

Se persino una persona per bene come Marino Bartoletti, figura amata e rassicurante del giornalismo italiano, arriva a perdere la pazienza, allora vuol dire che qualcuno l’ha fatta davvero grossa.

L’ex direttore del Guerin Sportivo ha fatto una tiratina d’orecchie a mamma Rai, che pure è la tv dove ha lavorato e dove spesso interviene in qualità di ospite, per una caduta di stile durante gli Europei di atletica. Un episodio illustrato puntualmente su Instagram, con il consueto garbo ma allo stesso tempo con la dovuta fermezza.

Bartoletti esalta l’impresa di Crippa

Bartoletti, come tanti appassionati del resto, stava seguendo con grande partecipazione la finale dei 10.000 metri, che ha visto il meritato e palpitante trionfo di Yeman Crippa. Lucida e commossa l’esaltazione dell’impresa da parte del giornalista:

“Urla la tua gioia Yeman, indossa la tua bandiera. A cinque anni eri in un orfanotrofio di Addis Abeba: una famiglia di gente buona ti ha adottato assieme ai tuoi quattro fratelli. Ora sei sul tetto d’Europa dei 10.000 metri col tricolore sul petto Yeman Crippa”.

Bartoletti, tirata d’orecchie alla Rai

Quindi l’attacco alla Rai, che proprio in prossimità delle fasi decisive della finale, quelle in cui Crippa sta compiendo la sua esaltante rimonta, ha pensato bene di mandare in onda il Tg2, costringendo i telespettatori a cambiare canale per continuare a seguire la gara.

Una “interruzione di emozioni”, come la definisce Bartoletti,   probabilmente inopportuna: “PS Cara Rai, non è bello obbligarci a cambiare rete per ragioni di palinsesto a un chilometro dalla fine di una gara! Non si interrompono le emozioni. Lo sport merita più rispetto!”.

Rai, altro attacco da La Repubblica

Se la reprimenda di Bartoletti è pacata, diverso è il tenore delle critiche di Antonio Dipollina su Repubblica:

“Raidue, sul far delle 20.30, c’è la finale dei 10mila e c’è un italiano che sta per compiere un’impresa favolosa andando a prendersi l’oro. Ma a un giro e mezzo dalla fine, mancando un paio di minuti in tutto, i telecronisti iniziano ad affannarsi, è chiaro che stanno ricevendo in cuffia indicazioni altrettanto affannate. E alla fine succede: bisogna dare la linea al Tg2. La cronaca continua su RaiSport,i telecronisti non fanno in tempo nemmeno a dire canale 58, parte la pubblicità. Sul canale 58 Yeman Crippa va così in fantastica rimonta e taglia il traguardo alle 20.30 esatte”.

Cambio rete, Dipollina ci va pesante

Per Dipollina si tratta addirittura della cosa più stupida mai perpetrata in tv: “Diciamo che lasciando spazio a un minimo di festeggiamenti, urla e sorrisi, il Tg2 sarebbe partito con cinque minuti di ritardo. E con tanta gente contenta davanti al video. E invece. Sul tema c’è dibattito. Ma è probabile che sia stata la cosa più stupida mai perpetrata in televisione. E come ognuno può intuire, non è facilissimo balzare in testa a questa speciale classifica. Deplorevoli comunque alcune battute sibilate sui social con vago riferimento all’impianto ideologico del Tg2 (“Lo avrebbero fatto se Crippa fosse stato di pelle bianca?”). Per fortuna, tra nuoto e atletica ed esigenze supreme del Tg2 questo periodo sta terminando”.

Rai oscura impresa Crippa, le reazioni

Fioccano le reazioni sui social. “Rai un disastro, mi ha fatto perdere l’arrivo, non avevo il canale 58 funzionante su quella tv. Una volta il tg si collegava direttamente con la gara in corso e la faceva vedere in diretta”, oppure: “Rai e rispetto per lo sport ormai sono due cose lontane anni luce! Ha sentito per caso in Rai parlare delle medaglie europee di ciclismo? Mah..”.  E infine: “Spero che le scelte della Rai siano in malafede, perché se sono fatte con raziocinio vanno ricoverati tutti in una clinica pisichiatrica di quelle buone! Vedevo la gara su raiplay perché non ero alla tv, per colpa di quei ca**o di spot da sorbirci al cambio di rete ho rischiato di perdere l’arrivo!”.

Circa Redazione

Riprova

Rassegna “Comici Camici & Friends”: AREA 52. Spettacolo per Theremin Loopstation e Pupazzi Alieni domenica 25 febbraio ore 11 – ingresso 5 euro

Teatro Villa Pamphilj – Roma domenica 25 febbraio ore 11 – ingresso 5 euro Rassegna …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com