Fratellina a India dal 13 al 18 febbraio

Fratellina è un testo che racconta una realtà che sta capitolando sotto i colpi drammatici del nostro tempo, che sembra aver completamente dimenticato i veri valori dell’umanità. Si tratta di un autoritratto della società, «veramente» ripugnante, dalla quale i due protagonisti cercano di fuggire, alla ricerca di una nuova dimensione dove semplicemente essere sé stessi o, addirittura, migliori. Nella scena composta da due grandi letti a castello Nic e Nac, una mattina, al risveglio, sperano di vivere in una nuova realtà, dove tutte le cose dimenticate si possono di nuovo ritrovare.

Il desiderio di Nic e Nac, di scoprire un’altra realtà che va oltre i confini visibili della scena, si concretizza con l’apparizione del Fratellino e della Sorellina, due personaggi che con i loro dialoghi mescolano ilarità e paradosso, denuncia e sconforto. L’incontro permette a ciascuno di ritrovare la propria parte mancante all’interno di un contesto familiare poco accogliente. La sofferenza, lo stato d’ansia e il sentimento di delusione dei quattro protagonisti di “Fratellina”, lasciano spesso spazio al sorriso e all’ironia. Importanza viene data anche alla figura immaginaria del cognato del dirimpettaio: un personaggio troppo generoso, ora imprigionato dentro a un armadio, che va portato in salvo. Nel momento in cui, però, questo armadio viene ritrovato, nessuno ha il coraggio di aprilo e fare il primo passo.

L’atmosfera lieve e giocosa dell’opera, nasce dalla musicalità dei dialoghi, dal ritmo, dalle ripetizioni delle parole, dalle attese e dall’ascolto del silenzio. C’è in questo lavoro l’accorata denuncia di un mondo sempre più vuoto e crudele, dove il senso comune ha perso ogni punto di vista o di riferimento e che lascia così isolati e perduti i propri personaggi costretti a rifare il mondo “a parole” su dei lettini che mimano più i giacigli delle prigioni che i tappeti volanti su cui sognarsi in viaggio. In questo loro mondo, il dolore e il furore del nostro sono sostituiti dalla gentilezza e speranza, volendo sottolineare l’importanza del superare la solitudine e l’immobilità, senza restare prigionieri delle illusioni.

La compagnia RF nasce dall’incontro di Spiro Scimone e Francesco Sframeli e dalla passione verso il teatro del surreale. Questo spettacolo, come molti altri della compagnia, rappresenta l’aspirazione a un futuro utopico, a cui non bisogna rinunciare, quasi in attesa di una redenzione umana.

13-18 febbraio 2024 – Teatro India

Fratellina

Di Spiro Scimone

Regia Francesco Sframeli

con Francesco Sframeli, Spiro Scimone, Gianluca Cesale, Giulia Weber

Tratto da Soli al Mondo, presentazione di Jean-Paul Manganaro

Scena Lino Fiorito

Costumi Sandra Cardini

Disegno luci Gianni Staropoli

Regista assistente Roberto Zorn Bonaventura

Assistente alle luci Maria Virzì

Assistente alla scena Lello Becchimanzi

Direttore di scena Santo Pinizzotto

Produzione Teatro Metastasio di Prato, Associazione Culturale Scimone Sframeli

in collaborazione con Istituzione Teatro Comunale Cagli

Foto di Gianni Fiorito

Info e orari

ore 20.00

domenica ore 17.00

durata 50′

Circa Redazione

Riprova

Angelina Mango supera Mahmood: “La noia” è il brano più ascoltato in radio

  Angelina Mango supera Mahmood:  “La noia” è il brano più ascoltato in radio   …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com