“Finché morte non ci separi?… -La menzogna dell’Amore”-, scritto e diretto da Giuseppe Oppedisano, dal 6 al 10 marzo al Teatro Tordinona-Roma

Debutta in prima assoluta al Teatro Tordinona, dal 6 al 10 marzo, “Finché morte non ci separi?…  -La menzogna dell’Amore”-, spettacolo scritto e diretto da Giuseppe Oppedisano, che ci conduce nelle dinamiche che portano al femminicidio e alla violenza sulle donne attraverso la riscrittura teatrale di storie realmente accadute.

“Finché morte non ci separi?… – La menzogna dell’Amore” è un vero è proprio kolossal che racchiude in se sei storie e 27 personaggi per dare vita a un denso racconto dei tanti “amori bugiardi” che una donna può incontrare. Lo spettacolo, prendendo spunto da avvenimenti di cronaca attraversa tutti i tipi di violenza e di femminicidio; dalla violenza psicologica/economica, si sposta a quella etnico/religiosa, agli stupri di massa, alla violenza fra le mura domestiche per concludere con quella fra gli adolescenti, il bullismo e il branco. Un luogo d’attesa, un purgatorio, dove troviamo sedute a mo’ di raggiera le protagoniste che di volta in volta, rivivranno gli incubi, le paure, le sofferenze, gli orrori e gli errori dei loro amori infranti e malati. Tre realtà prenderanno vita. Passato/Presente; (prima dell’incontro con l’uomo che segnerà la loro vita) Le protagoniste, come in un’analisi di coscienza collettiva, si presentano e raccontano chi sono e come vivono. Qui e ora; (dopo l’incontro, nella fase del loro rapporto di coppia) Le protagoniste vivono i momenti salienti della loro vita di coppia; gli episodi scatenanti del loro amore malato, giungendo all’atto conclusivo. Presente/Futuro; (ciò che rimane della loro esistenza e di un loro potenziale futuro) Le superstite raccontano il loro presente proiettato nel futuro; cos’è rimasto delle loro vite per chi è sopravvissuta, mentre per chi non lo è parlerà l’anima, che rimpossessandosi per pochissimo tempo del corpo, narrerà l’accaduto, per poi tornare nel regno dei morti.
I moderatori come dei cronisti televisivi, attraverso un gioco creativo del dentro/fuori, forniranno al pubblico notizie inerenti ad ogni genere di violenze sulle donne.

Lo spettacolo si muove fra la cronaca e le statistiche date dai moderatori e il vissuto delle vittime e dei loro carnefici. La scena è essenziale e si trasforma di volta in volta.

Note di regia di Giuseppe Oppedisano

La violenza sulle donne sembra non avere tempo né confini. Non risparmia nessuna nazione. Non conosce differenze socio-culturali o di classe. “Finché morte non ci separi?… – La Menzogna dell’Amore -”, ispirato a fatti di cronaca, affronta agghiaccianti storie di donne uccise, stuprate, ingannate, imprigionate in se stesse, violentate nel corpo e nell’anima.

Lo spettacolo nasce dal costante bisogno di tenere alto l’allarme su questi temi, non si può alzare la guardia solo quando un’altra vita viene spezzata per poi ritornare all’indifferenza peggio alla rassegnazione. Dove c’è una donna un carnefice può farsi avanti, quindi prima o poi potrebbe toccare ad ognuno di noi. È essenziale coinvolgere gli uomini nel cambiamento culturale per affrontare le radici della violenza di genere e promuovere relazioni rispettose e consapevoli.

Lo spettacolo racconta sei vite spezzate in sei mostruosità diverse. Entrerà nella vita delle vittime e dei loro carnefici, svelando i loro lati più intimi, portando alla luce i troppi “amori bugiardi e malati”, le tante “mascolinità tossiche”.

Virgilio, che tutto sa e tutto vede, ripercorrerà le loro vite in un’analisi di “coscienza collettiva”, dal loro “presente/passato”, al loro “qui ed ora”, giungendo in fine ad un “presente/futuro”.

La storia di Kismayo attraverserà gli abusi sui minori, infibulazione e lapidazione.

Un adolescente Somala che scappa dai suoi carnefici. Quella di Alida ci porta fra le mura domestiche, violenza fisica e sessuale. Una giovanissima mamma innamorata del marito, con una bambina e in attesa di un altro figlio, che malgrado la durezza della vita insegue la normalità. Nessuno può mai essere “Obbligato ad amare”. Con Azra, riapriremo vecchie e nuove ferite;  stupri di massa, violenze etnico/religiose. Una mamma e una figlia a confronto con la crudeltà della vita. Eccoci alla violenza psicologica. Anita è come un faro nella notte che si spegne lentamente. Ma gli orrori non finiscono e Chiara, riportandoci fra le mura domestiche subirà tutta la brutalità della Violenza fisica. Una ricca donna borghese, brillante e intelligente con la sola colpa di amare troppo. Giungiamo al capolinea, rien ne va plus. Violenza di gruppo fra minori, bullismo, cyberbullismo, revenge porn. Semplicemente tre bravi ragazzi di famiglie “bene”. Una generazione di giovani che passa il tempo a guardare e scambiarsi video porno. Usando una metafora sportiva; come un pugile assesta i suoi colpi fatali all’avversario… Lo spettacolo farà lo stesso con il suo spettatore.

Sei donne violate. Sei vittime violentate nella mente e nel corpo.

Finché morte non ci separi?…

-La Menzogna dell’Amore-

Scritto e diretto da

Giuseppe Oppedisano

Con Maurizia Grossi, Giuseppe Oppedisano, Alexander Perotto, Mariandrea Filpo, Magda Andrzejewska, Dario De Francesco, Irene Géleng, Marco Bertes, Cristina Barbagallo, Roman Khromykh, Alessandro Ferri, Madeleine Faye, Ray Capparucci, Jacopo Bargnesi, Damiano Maj, Arianna Toso

Musiche – Roberto Fiorucci

Aiuto Regia – Giorgia Piracci

Foto scena – Laura Camia

Assistente regia- Alessandro Paniccia

DAL 6 AL 10 MARZO

TEATRO TORDINONA-ROMA

INFO:

Teatro Tordinona Via degli Acquasparta 16 (RM) tel. 06.7004932

Dal 6 al 10 Marzo Ore 20:45 domenica ore 18:30

Biglietto intero 15,00 (tessera compresa) ridotto 12,00 (tessera compresa)

 

Circa Redazione

Riprova

La Sicilia a Roma con la rappresentazione teatrale “Fimmina” che celebra la donna, in scena al Rossini di Roma. Racconti tra musica e parole a cura di Sarah Scola, con le note dei Bellamorèa

Teatro Rossini di Roma, duo musicale siciliano Bellamorèa e del Vice Questore della Polizia di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com