Eni, il Mef cede il 2,8% del capitale, pari a 1,4 miliardi. Il controllo pubblico è assicurato da Cdp

Il Mef ha avviato una procedura accelerata di raccolta ordini (Accelerated Book Building) per la cessione di 91.965.735 azioni ordinarie di Eni, corrispondenti a circa il 2,8% del capitale sociale della società, attraverso un consorzio di banche costituito da Goldman Sachs International, Jefferies e Ubs Europe in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners, con l’obiettivo di promuovere il collocamento delle azioni presso investitori qualificati in Italia e investitori istituzionali esteri. Lo rende noto un comunicato del gruppo.

Nell’ambito dell’operazione il Mef si è impegnato con i Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners a non vendere sul mercato ulteriori azioni della Società per un periodo di 90 giorni senza il consenso degli stessi Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners e salvo esenzioni, come da prassi di mercato. I termini finali dell’operazione saranno comunicati al termine del collocamento.

Con la cessione annunciata del 2,8% di Eni, il Ministero dell’Economia e Finanze, che possiede direttamente una quota del 4,797% del gruppo, scende sotto il 2%. Il controllo pubblico è comunque assicurato da Cdp (la cui maggioranza fa capo allo stesso Mef con una quota di minoranza delle fondazioni bancarie) che detiene il 28,503%. Ai valori attuali di Borsa (15,11 euro la chiusura a Milano) la quota ceduta dal Mef vale poco meno di 1,4 miliardi di euro.

Circa Redazione

Riprova

Diventa volontario con michelepertuttiCamp

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Diventa volontario con michelepertuttiCamp, basta aver compiuto 16 anni e …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com