Elezioni: effetto vincente di Giorgia Meloni per una vincita netta del centrodestra

Il centrodestra si aggiudica le elezioni amministrative del 2023 e fa il pieno dei Comuni capoluogo aggiudicandosi i ballottaggi di Ancona, Massa, Pisa, Siena, Terni a Brindisi e trionfando al primo turno a Catania. A queste città potrebbero aggiungersi a breve anche Trapani, Ragusa e Siracusa, tanto per limitarsi ai capoluoghi. Un successo netto e senza ombre.  Fondatissima la soddisfazione nelle dichiarazioni degli esponenti della maggioranza. «Non esistono più roccaforti della sinistra, Ancona rappresenta un risultato storico», è il commento a caldo di Giorgia Meloni.

«Di risultato straordinario che rafforza il governo», afferma  Antonio Tajani, vicepremier e coordinatore nazionale di Forza Italia. Dichiarazioni improntate a grande soddisfazione arrivano anche dai centristi. Sugli scudi ancora Ancona. «Una vittoria storica in una città simbolo della sinistra che conferma ancora una volta la forza della coalizione di governo», puntualizza Maurizio Lupi.

Fratelli d’Italia mette l’accento sulla «sonora sconfitta» del Pd. «Aveva ragione Elly Schlein quando diceva che nessuna l’ha vista arrivare, in particolare gli elettori», ironizza Lucio Malan. Per il capogruppo di FdI al Senato, l’«effetto Schlein piace tanto al mainstream ma meno agli elettori che appena hanno la possibilità di votare preferiscono l’effetto Meloni. L’unico davvero vincente». Analogo concetto esprime il suo omologo alla Camera Tommaso Foti. «FdI e il centrodestra – sottolinea – si confermano credibili e affidabili, alla faccia dell’effetto Schlein che a quanto pare sta condannando il Pd a un precoce quanto inevitabile dissolvimento».

Giovanni Donzelli, responsabile organizzazione di Fdi, commentando l’esito delle amministrative afferma che l’effetto Schlein c’è stato:“Mi sembrerebbe di sì, c’è stato. A nostro favore ma c’è stato“, dice Giovanni Donzelli, responsabile organizzazione di Fdi, commentando l’esito dei ballottaggi. Siamo serenamente soddisfatti: non era un dato di trend nazionale, è merito dei singoli sindaci e dei cittadini che hanno votato. Facciamo un in bocca al lupo a tutti i sindaci eletti. Il centrodestra dimostra, quando è compatto, di avere una buona classe dirigente sul territorio e di portare a casa i risultati. E’ stato confermato il buon governo del centrodestra, a livello locale come a livello nazionale”.

Vince la destra. E vincono i “civici“. I cosiddetti “eretici” di destra, come il presidente della Ternana Stefano Bandecchi che sfratta con il 54% dei voti Orlando Masselli, ex assessore, candidato della presidente Donatella Tesei (Lega). E come Catene De Luca, nuovo look con occhiali, che s’impone a valanga a Taormina con il suo “partito” “Sud chiama nord”. E i “civici” di sinistra come Giacomo Possamai, candidato di area Pd che però ha rivendicato fino alla fine il proprio “civismo” chiedendo alla segretaria Elly Schlein di “non fare comizi a Vicenza”.

E’ un voto si è concluso con la nomina di circa 600 sindaci e quasi sei milioni di italiani al voto tra il primo e il secondo turno. L’attenzione era tutta su sei capoluoghi di provincia (Vicenza, Pisa, Massa, Siena, Terni, Brindisi) e uno di regione, Ancona. Erano 14 all’inizio di questa tornata elettorale, otto a guida centrodestra e sei centrosinistra. Finisce dieci a quattro se mettiamo Bandecchi a destra e Possamai nel centro-sinistra. Finisce soprattutto la luna di miele di Elly Schlein che ieri ha perso tutto quello che poteva perdere nonostante i ballottaggi avessero acceso speranza e ottimismo soprattutto ad Ancona, Pisa, Massa e Siena. Continua invece la luna di miele di Giorgia Meloni anche se sulla pelle di Matteo Salvini che cede in pochi mesi i governi di tre città chiave del nord est: Verona, Udine e Vicenza.

Il Nazareno non può trovare scusanti nel fatto che la nuova segreteria si è “appena” insediata. Se “l’effetto Schlein” vale nei primi due mesi in cui si esibiscono sondaggi e gradimenti a maggior ragione deve valere nel primo appuntamento con i numeri. La segreteria politica convocata  al Nazareno finisce con una scrollata di spalle: “Sconfitta netta. Ma non si ricostruisce e non si cambia in due mesi. La colpa non è solo del Pd”, si limita a dire Elly Schlein.

Circa Redazione

Riprova

Riforma del premierato e suoi oppositori: dal Gruppo Gedi, passando per il politologo Carlo Galli per arrivare a Liliana Segre

I nemici del premierato li riconosci subito da un particolare. Da un aspetto, un minimo …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com