PERI

Elezioni, Bettini: “Pd precipitoso su no ricucitura, senza M5s no prospettiva”

“Conte ha sbagliato a non dare la fiducia a Draghi in quel frangente. Tuttavia, aveva accumulato un contenzioso grandissimo, al quale il Premier non ha dato risposte sufficienti. Aveva subito anche la scissione di Di Maio e di altri suoi dirigenti, accolte con simpatia da molti settori della stessa maggioranza cui dava sostegno. Era stato insultato, sbeffeggiato e incredibilmente sottovalutato. Anche il sottoscritto ha pagato per mantenere con lui il filo del dialogo. Quindi, probabilmente sì, siamo stati precipitosi nell’escludere ogni possibile ricucitura. Anche per una ragione “pratica”: senza il M5s, come si è visto ora, non resta alcuna altra prospettiva politica. Se non l’isolamento, che è stato determinante in senso negativo nella battaglia dei collegi uninominali”. Così Goffredo Bettini, dirigente nazionale del Pd, in una intervista al Fatto Quotidiano si esprime circa i rapporti tra il Pd e il M5s.”Il Pd è principalmente il partito dei ceti medi urbani, civili e progressisti. Conte è più penetrante nel popolo, tra i diseredati. Il rapporto unitario è arricchente per entrambi. Ora occorre ricucire il campo largo per evitare che la destra debordi, per difendere la Costituzione, per non snaturare la Repubblica. E per ricostruire, con umiltà, le condizioni di una nostra rivincita”, aggiunge.

Circa Redazione

Riprova

Immigrazione, a un anno dalla tragedia di Cutro, Irto (Pd) attacca il governo Meloni: “Resta latitante e ha messo la polvere sotto il tappeto”

«A un anno dalla tragedia di Cutro, il governo Meloni resta latitante sulle politiche dell’immigrazione. …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com