DON BOSCO 2000 SUL PIANO MATTEI: il governo ha cambiato linguaggio sull’Africa ma occorre coinvolgere le ONG ed il mondo del terzo settore

Don Bosco 2000 accoglie con interesse le recenti dichiarazioni del governo italiano sul “Piano Mattei. “Scevro da ogni giudizio politico, prendiamo atto di un nuovo linguaggio del governo – ha dichiarato Agostino Sella, presidente di Don Bosco 2000 – Un linguaggio che come sottolineato dalla Meloni punta su un rapporto alla pari con l’Africa basato su responsabilità, fiducia e rispetto reciproco.
“Tuttavia – sottolinea Sella – abbiamo appreso preso atto della presenza delle più grandi aziende italiane ma a malincuore abbiano notato il mancato coinvolgimento delle ONG e degli altri enti del terzo settore che pure rappresentano un tassello indispensabile nella cooperazione allo sviluppo, “
Sella enfatizza il ruolo cruciale delle organizzazioni non governative e delle associazioni che “da anni lavorano in Africa al fianco della popolazione locale. Le ONG e le associazioni non possono essere lasciate fuori dalla concertazione e dalla programmazione”.
Il presidente di Don Bosco 2000 sottolinea ancora: “Dobbiamo prima di tutto sconfiggere la fame e garantire a tutti un’educazione di qualità a tutte comunità locali che permetta ai più poveri di progredire. In questo ambito pensiamo che il modello di cooperazione circolare agito da Don Bosco 2000, possa essere il più adatto a garantire la tutela dei diritti agli ultimi ed al tempo stesso promuovere fenomeni di sviluppo in cui i veri protagonisti sono le comunità locali africane.
Infine, Sella esprime la speranza che il Piano Mattei vada oltre gli investimenti che coinvolgono solo grandi multinazionali o player italiani. “L’obiettivo non deve essere solo lo sviluppo economico, ma anche sociale e culturale, in un modello che metta fine all’approccio predatorio e lavori realmente per il bene dell’Africa.”
Don Bosco 2000 si impegna a collaborare e supportare iniziative che rispecchiano questi principi, lavorando per una cooperazione che metta al centro la lotta alla povertà e la promozione di un’educazione di qualità per tutti.

Circa Redazione

Riprova

Toti prepara il ‘ritorno’: “No a dimissioni”

 Giovanni Toti, il governatore ligure dal 7 maggio scorso ai domiciliari con l’accusa di corruzione, …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com