Crisi di Governo, Conte pensa al maxi-rimpasto. Ipotesi elezioni resta in piedi

La crisi politica è ancora un rompicapo. Non è bastato, infatti, il passaggio parlamentare ad inizio settimana. Nonostante il Governo abbia ottenuto l’ok di Camera e Senato, specie a Palazzo Madama i numeri sono risicati.

La vera partita – come molti analisti sostengono – è iniziata martedì sera, subito dopo che Conteaveva incassato i 156 sì per quella che è stata definita una maggioranza “raccogliticcia” , arrivata con il sostegno di due forzisti, non in grado di traghettare il Paese in una fase così delicata, Mentre a Bruxelles attendono il piano italiano per il Next generation UE. Tradotto: tutto può ancora succedere.

Il Premier Giuseppe Conte nel pomeriggio di ieri è salito al Quirinale per un incontro “interlocutorio” con l’obiettivo, di riferire al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, gli sviluppi della crisi politica dopo il voto di fiducia di ieri. L’incontro è durato circa 50 minuti, poi il Presidente del Consiglio è rientrato a Palazzo Chigi.

Al momento, nessuna indiscrezione, ma totale consegna del silenzio, caldeggiata dal Colle. Gli ultimi due incontri una settimana fa, subito prima e subito dopo l’annuncio del ritiro della delegazione ministeriale di IV da parte di Matteo Renzi. Allora il Capo dello Stato aveva chiesto di “uscire velocemente dall’incertezza”.

Come ricostruisce il Corriere della Sera, le opzioni percorribili sembrano essere solo due:  o Giuseppe Conte oppure elezioni anticipate.  Dopo lo strappo di Matteo Renzi (che non ha comunque chiuso del tutto la porta) la  maggioranza giallorossa vede solo due strade.” La prima, della quale il premier ha parlato nella serata di ieri con il capo dello Stato Sergio Mattarella, passa per un allargamento e rafforzamento dell’alleanza. E la seconda, il voto in tarda primavera, sarebbe la naturale conseguenza del fallimento del piano A”.

Sia PD che M5S continuano a chiudere alla possibilità di un Governo di unità nazionale come anche all’ipotesi di governo politico con Renzi e senza Conte.

“Conte si era preso una settimana per formare una maggioranza al Senato. Non ci è riuscito. Non so se sia la strada giusta provarci ancora. Un premier dovrebbe occuparsi di vaccini, scuole e lavoro. Non di come acquisire il consenso dei senatori con trattative infinite. Comunque quando avranno finito con il mercato delle poltrone, se vorranno, potranno parlare con noi. Noi siamo quelli che si dimettono, non che chiedono posti”. Fa sapere, intanto, la Presidente dei deputati di Italia Viva, Maria Elena Boschi, su ‘La Stampa’.

Decisamente più dura la posizione di  Giorgia Meloni che sul Corriere della Sera parla di governo che si regge “su un mercato delle vacche, che però fatto da loro diventa una ‘boutique delle chianine”. La leader di FI ribadisce di non voler “dare per scontato che il capo dello Stato si accontenti di fare solo da spettatore” e, anzi, spera che “come altri suoi predecessori eserciti la sua moral suasion” e valuti se esistono le condizioni per sciogliere le Camere.

La strada, insomma,  è stretta e delicata. A Palazzo Chigi sanno benissimo che  con questi numeri ballerini c’è sempre il rischio di cadere. Si guarda già a mercoledì 27 gennaio, quando si voterà la relazione annuale in materia di giustizia del ministro Alfonso Bonafede con le truppe di Italia Viva hanno che potrebbero sferrare l’attacco in  Parlamento. E, il voto sul Guardasigilli potrebbe essere il primo di una lunga serie. L’ex sindaco di Firenze ha già annunciato il voto contrario.

Non solo. Bisogna poi fare i conti con  il nodo commissioni. In quelle più importanti (Affari costituzionali, Bilancio, Esteri e Industria) maggioranza e opposizione sono in parità senza i renziani che fanno da ago della bilancia. Un problema non da poco.

Prima allargare la maggioranza con un nuovo gruppo, poi patto di legislatura e rimpasto: è la road map concordata ieri da Conte coi vertici di Pd, M5s e Leu nel primo giorno senza Iv. Il premier è salito al Colle per un incontro con Mattarella: niente dimissioni, ma una seconda fase senza Renzi del Conte 2

Oggi al Quirinale saliranno i leader di Lega, Fdi e Fi. “Parlamentari in vendita, Var in Senato, governi minestrone, alleanze solo per la poltrona. Basta, fiducia negli italiani, la parola passi a loro”, dice il leader della Lega Salvini.

Renzi, intanto, riunisce i gruppi di Iv. È convocata per questa sera alle 22.15 in videoconferenza, a quanto si apprende, un’assemblea dei deputati e senatori di Italia viva con Matteo Renzi.

E ad andare all’attacco è il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini. “Credo che serva, nel giro di pochi giorni, come penso pretenda giustamente il presidente della Repubblica, un numero di parlamentari e senatori che garantisca che i numeri” della maggioranza “vengano irrobustiti”. Ma, per il presidente della Regione, intervenuto a Mattino5, “non basta neanche questo: serve un programma di legislatura, anche nuovo e rafforzato, e a mio parere anche una nuova squadra di governo”.

“Se posso dare un consiglio non richiesto al presidente del Consiglio e alle forze di maggioranza, compreso il mio partito: coinvolgano di più le parti sociali, gli amministratori locali. Non vorrei ci si chiudesse troppo negli uffici di Roma”. “C’è un Paese nel quale ci sono importanti esperienze, di governo quotidiano del territorio, che a mio parere andrebbe un po’ più ascoltato”, ha aggiunto

Circa Redazione

Riprova

Coronavirus, 17455 contagi, 192 decessi

Sono 17.455 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, in …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com