Coronavirus, una variante resistente agli anticorpi

Si chiama Bv-1 e potrebbe resistere agli anticorpi contro il coronavirus. Lo sostengono i ricercatori dell’Università del Texas A&M che hanno scoperto, come riportato dal Messaggero, una nuova variante del Sars-CoV-2. Gli scienziati hanno rilevato questa nuova mutazione  soltanto in uno studente che presentava sintomi lievi del Covid-19, ma hanno definito il patrimonio genetico “preoccupante”.

“Al momento non conosciamo appieno questa variante, ma ha una combinazione di mutazioni simili ad altre varianti preoccupanti notificabili a livello internazionale“, ha dichiarato Ben Neuman, capo virologo presso il Global Health Research Complex dell’Università americana.

“Questa variante combina marcatori genetici separatamente associati a rapida diffusione, malattia grave e alta resistenza agli anticorpi neutralizzanti” ha spiegato.

Dai dati raccolti sullo studente, risultato positivo al coronavirus con due test effettuati a marzo, i ricercatori dell’Università del Texas sostengono che “la variante può causare un’infezione più duratura rispetto a quella tipica del Covid-19 per gli adulti di età compresa tra 18 e 24 anni”.

“Non abbiamo rilevato altri casi di questa variante“, ha precisato Neuman che con il suo team di ricerca ha segnalato il caso ai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) americani, perché ritiene che altre varianti con gli stessi marcatori genetici di BV-1 riescono a sfuggire alle difese create dagli anticorpi neutralizzanti, come dimostrato da altri laboratori negli Usa.

Circa Redazione

Riprova

La birra analcolica Corona Cero arriva in Italia

Arriva in Italia Corona Cero, la nuova proposta analcolica di Ab InBev – società leader mondiale …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com