Consap, Meloni: “Presto un fondo per gli studenti”

”Consap è uno strumento del governo e che il governo intende valorizzare; anche in virtù della sua funzione e delle competenze acquisite negli anni per dare ulteriori risposte ai cittadini e alle imprese”. Così il presidente del Consiglio Giorgia Meloni nel messaggio inviato al convegno per i 30 anni della Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici, alla Camera.

“In 30 anni la Consap ha operato costantemente per conto delle istituzioni al fianco delle imprese e ancor più degli italiani accompagnandoli e sostenendoli in alcune tappe fondamentali della propria vita. E facendo sentire la presenza dello Stato nei momenti di difficoltà”, sottolinea il premier. Spiegando che questo “ruolo di tutela e garanzia” assume “ancora più importanza nell’attuale situazione economica; contraddistinta da un’inflazione che ha raggiunto livelli che avevamo dimenticato e tassi di interesse che hanno subito una serie di rialzi consecutivi da parte della Banca centrale europea”.

Meloni tra i vari interventi gestiti dalla Consap ha quindi citato – tra gli altri – il Fondo di garanzia per le vittime della strada, il Fondo Gasparrini per i mutuatari in difficoltà e il Fondo istituito nel 2011 e ampliato nel corso degli anni per consentire ai giovani, in particolare ai precari, “di accedere ad un mutuo bancario garantito dallo Stato per l’acquisto della prima casa”.

E a proposito dei giovani, “il governo punta a potenziare il fondo per gli studenti meritevoli per l’accesso all’università. Il Fondo per gli studenti meritevoli, gestito dalla Consap, è “uno strumento che intendiamo rilanciare e potenziare – ha spiegato Meloni- in primo luogo semplificandone le modalità di accesso e velocizzando le procedure”. Aggiungendo di confidare di poterlo fare “quanto prima”.

“Assicurazione automatica contro i rischi legati alle catastrofi naturali in presenza di un mutuo garantito da Consap all’80% da includere “direttamente nella rata del mutuo”. E’ stata la proposta avanzata dal presidente Consap Sestino Giacomoni. Un’assicurazione automatica contro i “rischi catastrofali”, come già avviene per gli incendi: “per evitare che a causa di una catastrofe naturale chi ha sottoscritto un mutuo si ritrovi con la casa distrutta e ciò nonostante debba continuare a pagare le rate del mutuo”, sottolinea il presidente Consap. “Soprattutto nel caso delle giovani coppie, considerata la garanzia dell’80% – osserva ancora – sarebbe un bel gesto se fosse la banca stessa nel momento in cui concede il mutuo a farsi carico del premio”. Giacomoni ha dunque sottolineato la necessità che in Italia si crei una maggiore “cultura assicurativa facendo in modo che i cittadini si assicurino per sé stessi ma anche per il bene della collettività sottoscrivendo spontaneamente la polizza contro le calamità naturali invece di vederla come una tassa imposta dall’alto”.

Circa Redazione

Riprova

Ecommerce Italia 2024 – 10 Aprile a Milano

La diciottesima edizione dell’evento “Ecommerce Italia” di Casaleggio Associati si terrà mercoledì 10 aprile a …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com