CESV, l’esperienza dei giovani messinesi a Bergamo Capitale del Volontariato

– Ne sono stati protagonisti. Ne portano traccia – in ricordi e riflessioni, contatti e nuove amicizie – dentro di loro. E la raccontano come un’«esperienza emozionante, formativa e costruttiva».

Fabio Cusumano, Valeria Di Brisco, Gabriele Ruvolo, Federica Leo, Elena Magazzù, Fabrizio Venuto, Maria Mortelliti, Giulia Portaro e Vincenza Salvo sono i giovani messinesi appena rientrati a Messina da Bergamo Capitale Italiana del Volontariato, dove hanno partecipato, come delegazione del CESV e insieme con Silvia Gheza e Mariella Mazza, all’evento “Giovani che cambiano il mondo. Io dono così”.

Giornate piene – tra incontri, dialoghi, laboratori, convegni, eventi artistici e culturali – nelle quali si sono confrontati con 500 altri giovani volontari provenienti da tutta Italia su dieci temi “irrinunciabili”: ambiente e vita sulla terra, giustizia e legalità, parità e identità di genere, pace e geopolitica, salute e benessere, investire sul territorio, cultura, cittadinanza e partecipazione, scelte e opportunità, esperienza del dono.

Su ciascun tema è stata composta una “lettera all’Europa” che è stata letta alla platea intera. «Dar voce a 500 volontarie e volontari – racconta Valeria Di Brisco che ha letto la lettera sul dono – fa battere il cuore a mille. È stata una meravigliosa responsabilità!».

E di forti emozioni parlano anche gli altri partecipanti messinesi per tutte le iniziative della manifestazione, dall’intervento di apertura affidato al giornalista e scrittore Roberto Saviano, che «ci ha ricordato come il nostro Paese esiste e si mantiene anche grazie alle scelte e le azioni che i giovani fanno», alle riflessioni collettive guidate da Micaela Casalboni, Nicola Bonazzi e Andrea Paolucci della Compagnia del Teatro dell’Argine, grazie a cui «abbiamo espresso il nostro desiderio, che è quello non di rivoluzionare il mondo, ma di migliorarlo giorno dopo giorno con senso civico, piccole pratiche e amore verso le comunità che abitiamo».

L’esperienza a Bergamo è stata così importante, così motivante, che – dice Federica Leo – «ci spinge ancor di più ad intraprendere un percorso costruttivo verso il volontariato». Non per ultimo, grazie proprio al fatto – come ricorda Gabriele Ruvolo – di aver condiviso tantissimo con tutti gli altri volontari, compreso il sonno in sacco a pelo in una palestra, e di aver conosciuto persone di tutti i Centri Servizi per il Volontariato. Una condivisione – conclude Fabio Cusumano – che «ci ha dato la possibilità di scambiare le nostre idee con altre realtà» e, anche per questo, «è un’esperienza formativa decisamente da ripetere».

Circa Redazione

Riprova

Marina Brambilla, prima donna Rettrice dell’Università Statale di Milano

  1.651 preferenze contro 644. Sono i numeri che hanno consacrato la professoressa ordinaria Marina …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com