Laura Boldrini durante l'Assemblea Nazionale di Liberi e Uguali, Hotel Ergife, Roma, 7 gennaio 2018. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Barbara Palombelli e Laura Boldrini: “Parole non lecite”, sbarca tutto in Parlamento

“Questi uomini erano completamente fuori di testa, obnubilati oppure c’è stato un comportamento esasperante, aggressivo anche dall’altra parte?”. Barbara Palombelli, durante la puntata de Lo Sportello di Forum di ieri, ha commentato così i femminicidi, dopo che negli ultimi giorni, sette donne sono state uccise. 

“Una domanda che dobbiamo farci per forza”, dice la giornalista.

Ma sui social è bufera, c’è chi ritiene che le sue parole siano un’offesa e un oltraggio alle donne uccise e chi chiede la sospensione dalla conduzione del programma Mediaset. 

“La violenza familiare, il crescendo di aggressività che prende il posto dell’amore, l’incomprensione che acceca e rende assassini richiedono indagini accurate e ci pongono di fronte a tanti interrogativi. Quando un uomo o una donna (ieri a forum era la protagonista donna ad esercitare violenza sul coniuge) non controllano la rabbia dobbiamo interrogarci. Stabilire ruoli ed emettere condanne senza conoscere i fatti si può fare nei comizi o sulle pagine dei social, non in tribunale. E anche in un’aula televisiva si ha il dovere di guardare la realtà da tutte le angolazioni”. E’ quanto scrive Barbara Palombelli sui social dopo le polemiche per il suo intervento a Forum.

Non poteva mancare Laura Boldrini nel coro di critiche nei confronti di Barbara Palombelli per le sue frasi pronunciate a Forum sui casi di femminicidio: “A volte è lecito domandarsi se questi uomini erano completamente fuori di testa oppure c’è stato un comportamento esasperante, aggressivo anche dall’altra parte?”. “No – ribatte la deputata del Pd, ex presidente della Camera -, non è lecito chiedersi se una donna abbia meritato di morire per mano di un uomo. La causa dei femminicidi è una sola: l’idea di possesso verso le donne che spinge gli uomini alla violenza. Punto e basta”. Su Twitter la Boldrini definisce “gravissime” le parole della Palombelli, “pronunciate per giunta in tv”.

Tra le pochissime personalità accorse a difendere la Palombelli c’è Maria Giovanna Maglie, “Quale bufera? Quante balle politically correct! Fai un programma in cui si finge di celebrare un processo e introduci l’argomento del ‘aveva perso la testa’ o ‘lei lo aveva provocato’, che usano ahime i giornali e che si usa nei processi”. E non si tratta di “scusarla” per una frase magari uscita male o fraintendibile, “è di più, proprio non vedo il problema, lo vedo completamente montato – conclude l’opinionista, spesso ospite a Stasera Italia -. Molto rumore per nulla ma ognuno è libero”. 
Unanime invece la condanna delle politiche. “Sostenere che un femminicidio possa essere l’effetto del comportamento della vittima, fa precipitare in un abisso culturale e umano che mina la lotta contro la violenza di genere. Le parole della Palombelli sono profondamente sbagliate e oltremodo gravi”, scrive su Twitter la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi.  “Parole di gravità inaudita, pronunciate da una donna, una nota giornalista e conduttrice, durante una trasmissione televisiva nazionale – recita una nota dell’intergruppo della Camera per le donne, i diritti e le pari opportunità. Secondo le deputate, “sette femminicidi in sette giorni è la fotografia del Paese. E ancora Barbara Palombelli prova a chiedere se esista una giustificazione additabile al comportamento esasperante delle donne? Non è accettabile. Non si possono diffondere pregiudizi maschilisti tossici che finiscono nel trasformarsi in alibi di un fenomeno che alibi non può averne”.


   

 

Circa Redazione

Riprova

Palermo e Cimiteri. Caronia “Serviva Salvini a Palermo perché Comune scoprisse che può fare le cose”

“Dopo mesi di imbarazzanti e colpevoli balbettii, l’Amministrazione comunale ‘scopre’ solo oggi di avere poteri …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com