A Palermo il No alla mafia dei bambini degli oratori delle Alte Madonie

Nell’aula bunker il passaggio di testimone dall’antimafia del passato a  quella del futuro: composto insieme il puzzle “Uniti contro la mafia”

Da Totò Riina a Matteo Messina Denaro, dall’antimafia di trent’anni fa che operava in una società impaurita ad  oggi, all’antimafia del futuro, dei bambini che crescono in una società  che ha meno paura dei boss e che ogni giorno negli oratori parrocchiali fanno propri i valori della legalità e del rispetto delle regole e delle persone.

La “Chiesa in cammino” di Papa Francesco, dall’opera quotidiana  degli oratori si è manifestata oggi platealmente a Palermo con la

“Carovana della legalità” che dalle vette innevate della catena delle  Madonie ha raggiunto Palermo portando alla mafia la sfida delle nuove  generazioni.

Duecentocinquanta bambini degli oratori parrocchiali di Petralia  Sottana, Sclafani Bagni e Bompietro-Locati e i ragazzi della comunità  alloggio “Fondazione Regina Elena” di Cefalù, con genitori, sindaci,  parroci e insegnanti, al ritmo dello slogan “La Sicilia è nostra e non  di Cosa nostra”, hanno sfilato in corteo fino all’aula bunker intestata  a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Qui, dove è cominciata la vera svolta antimafia dello Stato, i  protagonisti trentennali della stagione del maxiprocesso e delle stragi,  Leonardo Agueci, Giuseppe Ayala, Vincenzo Terranova e Giovanni  Paparcuri, moderati dalla giornalista Elvira Terranova dell’Adnkronos,  hanno raccontato ai bambini la violenza, la ferocia dei boss alla sbarra  e latitanti, il terrore della gente, anche l’impreparazione dello Stato  in quegli anni di sangue, poi la svolta alle indagini impressa dal pool  antimafia e dalle forze dell’ordine e il riscatto della società civile.

A loro volta hanno appreso dai bambini di oggi qual’é la loro idea della

mafia, vista con gli occhi di chi ormai anche nei paesi delle aree  interne può scegliere di vivere sperando nella libertà.

Infine, un simbolico passaggio del testimone dall’antimafia del passato

a quella del futuro: giudici, testimoni, sindaci e istituzioni,  insegnanti, genitori, parroci e bambini, tutti insieme hanno composto  con le tessere il puzzle di una frase emblematica: “Uniti contro la  mafia”.

Il senso dell’iniziativa è condensato nelle parole di Melissa, 17 anni,  di Sclafani Bagni: “Con questa iniziativa noi ragazzi e bambini insieme  vogliamo sensibilizzare la società contro questo fenomeno. Vediamo  davanti a noi un futuro sicuramente diverso da quello dei giovani degli  anni passati, però dobbiamo essere noi bambini e ragazzi, noi che siamo  il futuro, a impegnarci a fare sì che non si ritorni al passato”.

“Se oggi siamo qui con tutte le parrocchie e gli oratori – ha commentato  don Giuseppe Licciardi, vicario generale della Diocesi di Cefalù – vuol  dire che la Chiesa ha realizzato il proprio compito, quello di essere  parrocchie presenti nel territorio accanto alle persone che vivono  problemi di ogni tipo. Il lavoro di ogni giorno negli oratori sulla legalità rappresenta la realizzazione di uno degli obiettivi indicati  dal giudice Rosario Livatino: trasformarci da ‘credenti’ a ‘credibili’.

Ed è quello che questi bambini oggi dimostrano e ci spingono a fare”.

Adesione compatta della società civile attorno a questo impegno,  condensata dalle parole del sindaco di Petralia Sottana, Pietro Polito: “Ringraziamo i sacerdoti per questa che possiamo definire una ‘folle’   iniziativa, quella di mettere in simbiosi l’impegno quotidiano di  istituzioni e famiglie, generazioni del passato e del futuro, attorno  alle preziose realtà parrocchiali dei nostri oratori”.

Circa Redazione

Riprova

“Io voto Giorgia perché è una di noi…”. Lo spot di FdI per le Europee: parla la gente comune

Gente comune, lo studente, la pensionata, l’agricoltore, il medico, la donna diversamente abile, l’operaio, la …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com