IL FESTIVAL PUCCINI 2024 – UN CARTELLONE STRAORDINARIO PER L’ANNO PUCCINIANO FIRMATO DA PIER LUIGI PIZZI

6 titoli pucciniani in programma dal 12 luglio al 24 agosto

Sarà Pier Luigi Pizzi a firmare il cartellone 2024 del Festival Puccini, nominato dal Consiglio di amministrazione presieduto da Luigi Ficacci, direttore artistico per questa edizione speciale del Festival di Torre del Lago per  celebrare la sua 70.a edizione e l’anniversario della scomparsa di Giacomo Puccini. Con Pizzi alla direzione artistica,  in stretta collaborazione il direttore d’orchestra Jan Latham Koenig con l’ incarico di  curare la qualità artistica dell’organico orchestrale e corale.

Rispondendo agli indirizzi dell’Amministrazione Comunale di Viareggio- dichiara il presidente della Fondazione Luigi Ficacci- fortemente impegnata  con numerosi altri progetti che coinvolgeranno i luoghi pucciniani di Viareggio e Torre del Lago,  il consiglio di amministrazione ha dato vita ad un programma davvero straordinario per contrappuntare l’anno pucciniano e celebrare con tanta musica la 70.a edizione del Festival dedicato al Maestro”.

Un progetto quello di Pier Luigi Pizzi che fa esclamare al  presidente della Fondazione  gaudio supremo! vede in scena dal 12 luglio al 24 agosto 6 titoli pucciniani e che nell’ordine della loro presentazione al pubblico saranno  Le Villi ed Edgar in un dittico nella stessa serata, Manon Lescaut , la Bohème,  Tosca  e l’ incompiuta, Turandot  che  terminerà con la  celebre struggente nota dell’ottavino che commenta la morte di Liù. Una visione quella del direttore artistico Pier Luigi Pizzi che,  dopo aver messo a segno due fortunate regie a Torre del Lago (Tosca nel 2022 e Madama Butterfly nel 2023) torna per firmare un cartellone pucciniano di teatro musicale filologico nella tradizione. Un cartellone che tratteggia  il percorso artistico di Puccini, dall’opera  d’esordio le Villi (1884) del ventiseienne  Giacomo, scritta su suggerimento del suo insegnante di conservatorio Amilcare Ponchielli e con la quale il pur giovane musicista si fece notare per la forza della scrittura sinfonica. L’Opera fu bocciata al Concorso bandito da Sonzogno e Puccini non ammesso; ma,  dopo la sua prima rappresentazione  al Teatro dal Verme di Milano  (31 maggio 1884) il giudizio fu unanime nel riconoscere le qualità di questo giovane musicista.   Le Villi a Torre del Lago. Sarà la quinta  rappresentazione al Festival Puccini:  la prima rappresentazione nel  1984, la seconda  nel  1991  e la terza nel 2000 che vide protagonista Katia Ricciarelli e l’ultima proposta nel cartellone del Festival Puccini 2019.  Le Villi sarà in scena in dittico con Edgar, titolo che rappresenta una rarità sul palcoscenico operistico nazionale ed internazionale –  sono trascorsi 16 anni dalla sua ultima presentazione al Festival Puccini. E’  la seconda opera di Giacomo Puccini, che ebbe la sua prima al Teatro alla Scala di Milano la sera del 21 aprile 1889, una partitura che non dava ancora la misura del suo talento ma   che non mancò di raccogliere giudizi positivi e di apprezzamento dal pubblico e dalla critica. L’opera della maturità artistica di Giacomo Puccini  Manon Lescaut, (1893)  con cui esplose e si impose il genio pucciniano sarà presentata in due serate. Il programma prosegue poi con due nuovi allestimenti, La Bohème (1896) e Tosca (1900).   In ordine di presentazione al pubblico il Festival Puccini propone in agosto per quattro rappresentazioni l’opera senza finale Turandot (1926) con cui Puccini concluse prematuramente la sua carriera di grande operista.  Un lavoro incompiuto rispetto al quale sono molti a credere alle difficoltà del compositore a trovare un lieto fine dopo la pagina musicale  di assoluta intensità per la morte di Liù. Le rappresentazioni a Torre del Lago si concluderanno  sulle note  dell’ottavino che fermarono  per sempre il genio pucciniano consacrando questo titolo tra le  pietre miliari della modernità musicale.

Tutte le opere, ad eccezione di Manon Lescaut, che sarà presentata in forma di concerto e di La Bohème la cui regia sarà di Massimo Gasparon,   saranno affidate per regia, scene e costumi a Pier Luigi  Pizzi che ha pensato ad un progetto unitario tecnologicamente innovativo.

I NUMERI DEL FESTIVAL PUCCINI 2023

Gli incassi superano la previsione grazie ad un pubblico di oltre 28.000 spettatori provenienti da 59 Paesi del mondo

un emoji quale   sintesi emozionale per descrivere  i  buoni risultati dell’edizione appena conclusa e che ha visto in scena  dal 14 luglio al 26 agosto,    27 proposte di spettacolo per   3 nuove produzioni La Bohème,  Madama Butterfly e il  Dittico (Tabarro e Castello di Barbablù) e la ripresa di Turandot cosi distribuite:   16 spettacoli nel Gran Teatro all’aperto (14 recite d’opera,  1 prova generale aperta,  1 concerto sinfonico dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia) 5 spettacoli nell’Auditorium Caruso  e 6 spettacoli  a   Villa Paolina che hanno richiamato 28408 spettatori con un incremento del  23,75% rispetto all’edizione 2022 producendo un incasso da biglietteria di € 1.350.000.

Madama Butterfly il titolo che ha riscosso unanime consenso di pubblico e critica il cui allestimento innovativo ha visto crescere il pubblico ad ogni recita per giungere alla sua ultima recita con un teatro quasi sold out. Campioni di incasso La Bohème e Turandot  quest’ultima nell’allestimento frutto di una coproduzione con il Teatro Goldoni di Livorno dove sarà in scena nella prossima stagione e proposta a Torre del Lago per il terzo anno consecutivo  per la regia di Daniele Abbado. 10.434 i biglietti venduti online con un incremento in valore assoluto di oltre 2000 rispetto all’edizione 2022 ed un indice di riempimento del Teatro  che nelle 14 serate supera il 50% e si attesta al 54, 14%.  Taiwan, Hong Kong, Bahamas, Swaziland, Filippine, Brasile, Nuova Zelanda alcuni dei  59 Paesi di provenienza del pubblico del Festival Puccini 2023 con in testa ancora una volta la Germania seguita da Regno Unito e Paesi del Nord Europa. 39 i tour operator che hanno organizzato Gruppi . Il Festival ha avuto una ottima  visibilità sui media con il ritorno della critica più autorevole che hanno contribuito ad un ottimo posizionamento del brand Festival Puccini anche  attraverso i suoi canali social che hanno consentito di raggiungere nel periodo di svolgimento  oltre 1 milione di persone .Numeri che attestano la notorietà del Festival Puccini in Italia e nel mondo e che il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha inteso premiare con il Pegaso d’oro consegnato nella serata conclusiva del Festival Puccini 2023.

Circa Redazione

Riprova

Teatro: Filippo Caccamo in Sicilia con “Tel chi Filippo” tra ottobre e novembre

Si chiama “Tel chi Filippo”, lo spettacolo che Filippo Caccamo porterà in Sicilia tra ottobre …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com