Papa Francesco al G7 per Intelligenza Artificiale e dieci bilaterali per la pace

Meloni ha definito la giornata “storica” per la partecipazione di Papa Francesco, il primo Pontefice a presenziare al G7, un forum di potenze globali istituito quasi 50 anni fa per affrontare le sfide della crisi energetica e dell’aumento del prezzo del petrolio.

Papa Francesco ha  partecipato al tema  legato all’intelligenza artificiale, ma per il Pontefice è stata un’opportunità per promuovere relazioni che favoriscano la pace.

Il Pontefice ha avuto l’occasione per incontrare i leader mondiali per sondare la possibilità che il dominio delle armi e il rischio di una terza guerra mondiale possano essere sostituiti dal linguaggio della diplomazia e del multilateralismo. Sono stati dieci gli incontri bilaterali, di cui nove con capi di stato e uno con Kristalina Georgieva, direttore generale del Fondo Monetario Internazionale.

La pace è stata  il tema principale in tutti gli incontri, a partire da quello con il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Papa Francesco ha avuto anche un incontro con Volodymyr Zelensky rimanendo sensibile al “martoriato popolo” che cerca disperatamente la pace, come ha sottolineato nell’Angelus della scorsa domenica.

Tra gli incontri centrali per promuovere la pace, c’è stato quello con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Successivamente, ha incontrato Emmanuel Macron, il presidente francese che sostiene un maggior coinvolgimento dell’Europa nella difesa e nel conflitto in Ucraina. Un altro incontro di rilievo è stato con il presidente indiano Narendra Modi e con il premier canadese Justin Trudeau.

Nel suo discorso, il Papa ha affrontato il tema dell’intelligenza artificiale e la necessità di regolamentazioni “algoretiche” per evitare l’accentuarsi delle povertà e delle disuguaglianze, come già espresso nel suo ultimo Messaggio per la pace. Francesco ammonisce che le tecnologie avanzate non dovrebbero essere utilizzate per facilitare soluzioni violente ai conflitti, ma per costruire percorsi di pace.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, presente al G7, durante un’intervista al “El Periodico de Catalunya” ha dichiarato che tutti i paesi dell’Unione Europea sosterranno l’accordo dei leader del G7 di finanziare Kiev utilizzando gli interessi generati dai fondi russi congelati dalle sanzioni. Charles Michel ha affermato che il Consiglio europeo è stato “in stretto contatto con tutti i capi di Stato e i loro team affinché non siano sorpresi” dalla proposta di finanziamento da 50 miliardi di dollari.

“Non ci sono i 40 miliardi, l’Italia ha detto che non è d’accordo a un impegno da 40 miliardi” di sostegno a lungo termine per l’Ucraina, “che sarebbero stati 3,5 miliardi l’anno per noi. Quando raggiungeremo l’impegno del 2% (del Pil per la spesa della difesa), discuteremo di ulteriori investimenti”,  ha detto il ministro della Difesa, Guido Crosetto, a margine della ministeriale Difesa della Nato a Bruxelles. “I 40 miliardi sarebbero stati aggiuntivi” e non inclusi nelle spese per raggiungere il 2%, ha poi spiegato.

“I 40 miliardi per l’Italia non sono in agenda, gli aiuti all’Ucraina continuiamo a darli, sto preparando il nono pacchetto”, ha notato. “L’impegno per noi è raggiungere il 2% delle spese in difesa, che già è problematico per il nostro Paese visti i vincoli europei. Non possiamo aggiungere altri obiettivi ambiziosi: non ho l’abitudine di prendere impegni che poi so di non poter rispettare e l’ho detto chiaramente”.

L’accordo di sicurezza tra Usa e Ucraina, firmato dal presidente americano Joe Biden e dall’omologo ucraino Volodymyr Zelensky durante il G7 in Puglia,  è solo “un pezzo di carta” senza valore. È il commento arrivato da Mosca all’indomani dell’intesa. “Questi accordi non riguardano nulla, non hanno valore legale”, ha sottolineato la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova.

Circa Redazione

Riprova

Cutro, Biloslavo: ‘La colpa è dei trafficanti e degli scafisti’. Cutro, Piantedosi: ‘Il garantismo valga anche per i servitori dello Stato’

I veri colpevoli del tragico naufragio di Cutro (quasi cento vittime) sono i trafficanti di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com