Una immagine del ricercatore egiziano Patrick George Zaky. ANSA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Zaky: lettera alla famiglia, ‘Sto bene, che la fortuna mi assista’

“Patrick ha scritto alla famiglia e ai suoi amici in Egitto per sapere come stanno e per rassicurarli sul suo stato di salute, e mandare il suo amore agli amici di Bologna e di Granada”. E’ quanto spiegano su Facebook gli attivisti della campagna ‘FreePatrick’, che da mesi chiedono la scarcerazione dello studente egiziano dell’Alma Mater arrestato al Cairo lo scorso 7 febbraio.

Nella missiva Patrick “si augura che la fortuna lo assista nella sua prossima udienza, in modo da poter riguadagnare la libertà”.

Gli attivisti, infine, ricordano di non sapere ancora quando lo studente comparirà nuovamente di fronte a un giudice”.

Nella nuova lettera Patrick ha chiesto anche ai familiari “la data della prossima udienza”. La famiglia, si legge sempre nel messaggio sul social network, “ha potuto lasciargli del cibo e dei prodotti per l’igiene nel luogo in cui è detenuto ed è stata rassicurata sul suo stato di salute attraverso una lettera ricevuta dalla prigione di Tora”

Circa Redazione

Riprova

Covid: Brasile, da lunedì chiuse frontiere a 6 Paesi africani

Il governo brasiliano ha annunciato che “chiuderà le frontiere aeree” da lunedì 29 novembre a …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com