‘You are connected now…’, installazione video-fotografica di Barbara Lalle, Marco Marassi e Alessandro Arrigo

You are connected now…
Installazione video-fotografica

di Barbara Lalle, Marco Marassi e Alessandro Arrigo

a cura di Roberta Melasecca Interno 14

nell’ambito di VIRTUS – Nuvola creativa festival Macro
“La connessione tra reale e virtuale”
MATTATOIO – Galleria delle Vasche de La Pelanda

12 Ottobre ore 20:00

Piazza Orazio Giustiniani, 4

Roma

Online Sexual Activities OSA: così vengono definite, con un acronimo, le attività sessuali che si consumano via internet. La “rappresentazione virtuale di sé” consente ad ognuno di noi di presentarci come vorremmo essere, senza alcun bisogno di un contatto reale.

You are connected now… pone di fronte ad un interrogativo: la realtà può essere sostituita totalmente da una comoda (ir)realtà, mostrando così il vero lato di noi che la società non consente?

Il fotografo Marco Marassi e la performer Barbara Lalle propongono, quindi, una installazione, dove accanto alle “foto” che il fotografo ha scattato durante la frequentazione di chat erotiche, il pubblico assisterà alla proiezione di un video art realizzato da Alessandro Arrigo ispirato dalla performance sul tema dell’OSA e della discrepanza tra l’identità virtuale e quella reale.

Il Festival è promosso dall’Associazione Neworld, Nwart con la direzione artistica a cura di Antonietta Campilongo e con il patrocinio Assessorato Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi.

Barbara Lalle, terapista per la riabilitazione neurologica post‐traumatica e docente impegnata quotidianamente nell’integrazione delle disabilità gravi, mossa da una “emergenza di dire”, come artista, attraverso le forme della pittura e della performance, esplora le modalità in cui disagio, privazione, dolore possano essere compresi, narrati, superati. E’ stata finalista del Premio Adrenalina 2012; ha esposto, dal 15 novembre al 2 dicembre 2012 al Museo D’arte Contemporanea di Roma MACRO, la scultura in legno e metallo “Canide “, ispirata dalla riflessione circa il rapporto odierno tra Simbolismo e Tecnologia. Dal 22 al 27 ottobre 2013 al teatro Argot Studio di Roma presenta in una mostra personale “Ieri ho sofferto il dolore”, progetto pittorico che si è classificato finalista al Premio Cascella 2015. Sviluppa poi il tema nella performance “Kintsugi”, presentata al Museo Stadio di Domiziano il 19 dicembre 2016, ricevendo il Premio Città di Soriano 2015. Già attrice nella compagnia teatrale Living Theatre Europe, è stata impegnata al MAXXI di Roma nella performance “L’arte dell’errore giudiziario”. Sempre al MAXXI presenta l’installazione performance “Il labirinto di Icaro involato” il 2 aprile 2015 per la Giornata mondiale di consapevolezza sull’autismo. Al Macro Testaccio La Pelanda, nell’ambito del festival Grammelot 2016, presenta la performance “Esodi” scritta con Gianluca Sanguigni, con la partecipazione di Cathy Marchand del Living Theatre e con il Parruccoro del Maestro Luca Pellegrini Nel 2016 presenta le performance “Rilevazione-Rivelazione” e “Contatto” accompagnata da Thelema, progetto ambient del musicista Marco Capitanio. L’11 giugno 2016, in occasione del giorno dell’orgoglio GLBT, porta al Gay Pride di Roma la perfomance “Dressed by you” di Barbara Lalle e Roberto di Matteo, proposta anche in altri spazi artistici sul territorio nazionale (“The Darkroom Project6+Art”, a cura di Luciano Corvaglia Muro Leccese 12-13-14 agosto 2016; Tevere Art Gallery di Roma – 8 e 9 ottobre 2016; Fonderia delle Arti di Roma 22 ottobre 2016). Partecipa alla 1° edizione di Rome Art Week con la personale pittorica “Ieri ho sofferto il dolore” presso la Mila Galleria di Roma dal 24 al 28 ottobre 2016. Il 5 novembre 2016 conduce “Non è area per voi”, una performance di arte partecipata con cittadini ed animalisti presso il parco di Piazza Vittorio. Realizza anche “Logos in progress”, pubblica performance di art partecipata a Piazza Vittorio, nel 2016 per la giornata mondiale contro la violenza di genere. Realizza un Reading performativo “Microcosmiche affabulazioni” in collaborazione con l’artista Mattia Morelli, presentandolo presso Studio Poerio il 14 gennaio 2017 e presso la Tevere Art Gallery il 4 e 5 marzo 2017. Il 23 marzo 2017 presenta “M-UNO” performance di Barbara Lalle e Pamela Ferri con musiche di Gianluca Fasteni, nell’ambito di “Essenziale. Certe volte sogno”, presso Interno 14 (Roma) a cura di Roberta Melasecca e Ignorarte. Il 7 aprile 2017 presenta la performance “Bautta”, con 10 performer ed il tenore Lino Loddi, con la collaborazione della make up Artist Sutralestelle presso Millepiani (Roma) nell’ambito della mostra “Il lato oscuro” inserita nel “Festival Dieci Lune” organizzato dal circolo letterario Bel-Amì a cura di Bruna Bianchina. Presenta alle Case Romane del Celio (Roma), nell’ambito della mostra collettiva “Floralia” a cura di Antonietta Campilongo e Jada Mucerino, la performance “APRIR-SI”, in collaborazione con Futura Marassi e Carmen Minieri, musica live di Fabrizio Sagoni. Il 27 maggio 2017 alla Tevere Art Gallery di Roma presenta l’happening performativo “Burning Circus” ideato ed realizzato con il fotografo Marco Marassi ed il musicista Gianluca Fasteni. Al Macro Testaccio La Pelanda, nell’ambito del Festival Nuvola Creativa – Living Nature, a cura di Antonietta Campilongo, presenta la performance multimediale M-UNO, di Barbara Lalle e Pamela Ferri, orchestrazione live di Gianluca Fasteni e costumi di Ombretta Luciani, in collaborazione con Roberta Melasecca. Ha ricevuto la menzione speciale all’ultima edizione di Bridge Art nel 2018. Ad aprile del 2018 presenta con Alessandro Arrigo “Burning Home. Libera i ricordi con il fuoco”, performance di arte partecipata a cura di Roberta Melasecca, con il contributo musicale di Rita Superbi.Dedita anche all’arte postale e alla poesia visuale, le sue opere sono state esposte in spazi museali e gallerie in Italia e dall’estero. Ad oggi collabora con varie realtà artistiche ed associative, tra cui Interno 14 e la T.A.G. Tevere Art Gallery.

Marco Marassi è nato a Roma, dove attualmente lavora. Ha studiato fotografia alla “Scuola di Arti e Mestieri Ettore Rolli” di Roma. Le sue fotografie sono incluse in vari premi artistici. Nel 2012 finalista “Adrenalina Prize” presso il museo di arte contemporanea M.A.C.RO di Roma. Nel 2014 finalista “Premio Arte Laguna” all’Arsenale di Venezia. Nel 2015 ha vinto la Warsteiner Young Talents durante l’Affordable Art Fair a Milano. Espone le sue opere in diversi musei e gallerie d’arte in Italia.

Alessandro Arrigo, Grafico e Illustratore lavora nel mondo della comunicazione come creativo. Ha collaborato alla realizzazione di multivisioni e video arte legate all’inaugurazione di mostre e eventi pubblici; ha realizzato la grafica e le illustrazioni per alcuni programmi della RAI. Alla fine degli anni novanta ha lavorato per tin.it – telecom Italia per l’ideazione e la realizzazione di grafica di supporto per il sito web e in seguito per il portale Virgilio.it. Ha lavorato e collabora con gli Uffici di Comunicazione di enti pubblici e privati per la realizzazione di immagini coordinate, ha collaborato con Action Aid, ha realizzato nel 2014 per l’Atelier del Granaio con Cristina Eidel delle stanze d’autore per Alberghi e b&B d’arte, ideando lampade e oggetti d’arredo con i suoi disegni. Collabora con musicisti e scrittori per le copertine dei loro lavori. Ha partecipato a mostre personali e collettive in Italia e all’estero (Parigi, Barcellona, New York, Londra). Nel 2011 per i 150 anni dell’Unità d’Italia, ha esposto nel comune di Ceveteri, Kaleidoscopio Italia, una serie di disegni e illustrazioni sull’eccellenze d’italia, Ha esposto al Granaio di Santa Prassede la sua installazione “La Trasparenza di un Fantasma” come supporto alla mostra “il Fotografo Fotografato”. I suoi tribute poster “Mirror mirror On The Wall – Riflessi in uno specchio”, dedicati ai musicisti che lo hanno maggiormente ispirato sono stati esposti durante la fiera internazionale Disco Levante 2016 a Bari e dopo in maniera stabile all’interno degli spazi di Impact HUB a Roma in viale scalo San Lorenzo 67. Ha partecipato alla Biennale del libro d’artista a Napoli a Castel dell’Ovo nel 2017. Con la Tevere Art Gallery di Luciano Corvaglia, partecipa a una mostra fotografica ad Arles nel 2017. Ha esposto alla Domus Romana il progetto inMIGRAZIONE a cura di Oriana Picciolini sul tema della “migrazione” come necessità di ogni essere vivente. Ha collaborato con una sua installazione dal titolo “Appunti di un ricordo” alla performance di arte partecipata di Barbara Lalle alla TAG gallery in Via di Santa Passera, 25 – Roma. Nel 2018 ha firmato con una sua illustrazione la prima copertina della rivista d’arte The 7th Continent Art presentata al Salone Internazionale d’Arte Contemporanea a New York. Durante il 2018-2019 le illustrazioni originali della copertina sono in viaggio con GOYART di Gorgonio Sanjuán e verrano esposte nelle gallerie d’arte in Europa e America. Ad aprile del 2018 presenta un installazione durante la performance di arte partecipata di Barbara Lalle  “Burning Home. Libera i ricordi con il fuoco”,  a cura di Roberta Melasecca, con il contributo musicale di Rita Superbi. Ha presentato il progetto ENDORFINE, illustrazioni da toccare e “accendere” parte del suo progetto “Nascosti e Esposti”, prima alla TAGFactory a Roma e poi al MAD IN MONTI 2018, una mostra diffusa nel quartiere Monti di Roma dedicato al Design, all’Arte e all’Artigianato A CURA di Monica Cecchini , Fabrizio di Nardo, Raffaella Salato, Roberta Melasecca.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com