Volkswagen, perquisizioni Gdf a Verona. Indagati presidente e ad Italia

Ci sono anche il presidente del Cda della Volkswagen Italia Luca De Meo e l’amministratore delegato e direttore generale Massimo Nordio tra gli indagati dell’inchiesta della Procura di Verona che ha portato questa mattina la Guardia di Finanza ad eseguire una serie di perquisizioni nella sede italiana della casa tedesca. E’ stata accolta in pieno la nostra istanza, afferma il Codacons. Solo pochi giorni fa avevamo chiesto di disporre perquisizioni a tappeto nelle sedi italiane di Volkswagen e presso le abitazioni private di dipendenti e manager, allo scopo di acquisire documentazione circa lo scandalo delle emissioni falsificate, al pari di quanto disposto dalla magistratura tedesca. La nostra ipotesi,   spiega l’associazione,  era proprio quella di una possibile frode in commercio a danno dei consumatori, per la quale ci siamo rivolti alla magistratura e all’Antitrust. Se dalle indagini della Procura di Verona dovessero emergere illeciti, si rafforzerebbe ancor di più la class action avviata dal Codacons dinanzi al Tribunale di Venezia, che al momento registra la pre-adesione di oltre 12.000 automobilisti, conclude il presidente Carlo Rienzi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com