Volano i Bitcoin: in un mese +100% e quotazione sopra 8mila dollari

Dopo l’agonia vissuta nell’ultimo anno e mezzo i Bitcoin ritornano a piacere. In poche settimane le quotazioni della criptovaluta sono raddoppiate, e negli ultimi quarantacinque giorni sono passate da un livello di 4 mila dollari a quota 8mila dollari. Un trend analogo lo stanno vivendo anche le altre valute gemelle come Ethereum.

Un ritorno di fiamma dopo aver vissuto momenti veramente brutti: a fine novembre 2017 dai 20 mila dollari, il Bitcoin era sceso al suolo sotto i 3.300 dollari. A gennaio 2017 valeva appena 1.000 dollari e aveva regalato rialzi rarissimi sui mercati. Insomma dopo un innamoramento iniziale molti analisti avevano però dato per morto e sepolto questo tipo di strumento. Ma ecco che è rinato l’amore e la moneta virtuale è tornata di nuovo al centro dell’attenzione grazie anche all’annuncio da parte di alcune grandi catene degli Stati Uniti d’America di accettare o voler accettare la criptovaluta come forma di pagamento.

Nelle scorse settimane Whole Foods (Amazon), Starbucks e Nordstrom hanno dato il via libera ai Bitcoin e anche il mondo Facebook, starebbe lavorando alla sua criptomoneta. Ma questo nuovo balzo in avanti è stato reso possibile anche dal mondo della grande finanza: Fidelity, una delle principali major nella gestione del risparmio, ha detto di voler rendere accessibile il Bitcoin alla propria clientela istituzionale e, secondo uno studio, un suo investitore su due crede nella monte virtuale. Anche le rivali di Fidelity, come ad esempio ETrade e Robinhood, hanno aperto anche agli investitori privati. Se si muove il mondo della finanza significa che le cose stanno cambiando.

A trarre benefici di questo nuovo trend è la capitalizzazione delle monete virtuali. Secondo Coinmarketplace, la principale piazza di criptovalute, il valore di tutti questi strumenti adesso è arrivato a contare 240 miliardi di dollari, contro i 130 miliardi di inizio gennaio. Insomma ora piace nuovamente questo strumento finanziario anche se il rischio di forti crolli dopo repentine risalite c’è sempre. Sicuramente si farà spazio nel mondo della finanza anche se occorrerebbero delle norme più chiare e sistemi di sicurezza più adeguati per dare maggiori garanzie ai possessori di Bitcoin.

Omar Scafuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com