Vittoria, 5 anni, viva grazie ad una telefonata da New York

Una bambina di cinque anni è stata estratta viva dalle macerie. “E’ salva per miracolo”. Lo zio di Vittoria Vultaggio, 5 anni, la bimba estratta pressocché illesa dalla sua camera da letto nella località Obici, alle porte di Finale Emilia, è sollevato dopo le ultime notizie arrivate dall’ospedale di Carpi. “Sono corso da mia sorella – ha detto Enrico Grillenzoni – che i soccorritori stavano già lavorando. La camera di Vittoria, al primo piano, era stata travolta dall’antica torretta adiacente, peraltro fresca di restauro, il tetto le era crollato addosso ma due travi hanno retto e lei era sotto. Qualche ferita lieve a una gamba, molta paura, ma nessuna frattura. E’ stato un miracolo”.E’ stata la tempestivita’ delle comunicazioni d’emergenza tra i soccorsi emiliani e la sala operativa della Questura di Roma a salvare una bambina di 5 anni rimasta sotto le macerie a Finale Emilia (Modena), in seguito al crollo di un edificio dopo il sisma della scorsa notte. A far scattare l’allarme e’ stata una telefonata giunta al 113 capitolino da un medico italiano che si trova a New York, il quale era stato contattato poco prima da una conoscente emiliana. La donna aveva riferito della presenza della bambina sotto le macerie. E la macchina dei soccorsi e’ scattata immediatamente, consentendo di attivare i vigili del fuoco e la polizia di Modena. In attesa dell’intervento gli operatori della Questura di Roma hanno ricontattato la signora che aveva richiesto l’intervento, cercando di tranquillizzarla ed acquisendo cosi’ informazioni utili per orientare i soccorsi. In poco tempo la bimba e’ stata tratta in salvo e trasportata all’ospedale di Carpi.”Mio figlio, a New York, era su Internet e ha letto del terremoto che ha colpito la Pianura Padana e in particolare la sua zona d’origine. E’ riuscito a parlare con noi, che invece non riuscivamo a telefonare ai soccorritori per problemi di linea. Dall’America lui è riuscito, e così i vigili del fuoco hanno salvato la piccola Vittoria”. Adriano Ziosi, 64 anni, decoratore in pensione, racconta all’ANSA come il figlio Marcello, 34, ricercatore alla Columbia University, ha lanciato un Sos dall’altra parte dell’oceano. “E’ là da due anni – spiega – si occupa di studi molecolari, di tumori al cervello. Appena ha saputo del sisma, allarmato ci ha chiamati. E così i soccorsi li ha potuti allertare lui”. La famiglia Ziosi abita nella villetta adiacente alla casa di Vittoria Vultaggio. La loro è rimasta illesa, crolli di suppellettili a parte, quella della bimba è rimasta devastata dal crollo della torretta secentesca che ne fa parte, di recente ristrutturata in profondità, ma che non ha retto alla fortissima scossa della notte.(Fonte Ansa) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com