Vita quotidiana in Russia nella guerra in Ucraina. Putin lontano dal Cremlino

In quasi tutte le città della Russia, si possono vedere enormi code agli sportelli automatici, alcuni prodotti sono venduti con restrizioni e il costo di alcuni prodotti elettronici è aumentato almeno tre volte. Tuttavia, la maggior parte dei russi, secondo fonti dell’intelligence, non lo attribuisce all’attacco della Russia.

Allo stesso tempo, l’umore nella società russa è piuttosto in preda al panico, perché tutti capiscono che sta arrivando qualcosa di veramente brutto.

  • Dall’inizio della settimana, la dirigenza del Cremlino ha rifiutato di aprire la Borsa di Mosca. Perché letteralmente in 5 – 10 minuti del suo lavoro la situazione diventerà probabilmente incontrollabile. Tutte le società russe costeranno meno del budget 2021.
  • Oltre al fatto che tutti i russi si sono impoveriti almeno tre volte a causa della svalutazione del rublo, ora la Russia rischia il fallimento. Il 6 marzo, Rosneft non è stata in grado di pagare il suo debito obbligazionario di $ 2 miliardi. Gazprom e poi il governo russo dovranno presto ripagare i creditori.
  • Molto probabilmente, non ci saranno pagamenti, il che provocherà una reazione a catena all’insolvenza effettiva di un certo numero di società generatrici di budget.
  • Inoltre, gli affari della Russia nel campo di qualsiasi produzione sono assolutamente terribili. Metallurgia, direzione della produzione di armi, prodotti, sviluppo di software: tutto è in realtà zero. Ad esempio, la Russia ha acquistato tutti i budelli di salsiccia in Italia. Il 90% delle materie prime per la produzione di armi, proiettili ed esplosivi, importato dalla Russia da paesi civili. Ora tutto questo sarà impossibile, a meno che i russi non resistano per qualche tempo sui resti di materie prime e prodotti.
  • Non meno epica è la situazione con il fatto che i russi non possono esportare i loro prodotti da nessuna parte. La Gas Pro ha cercato di vendere il suo petrolio a qualcuno con enormi sconti dal 24 febbraio, ma nessuno ha firmato contratti importanti con loro.
  • Poiché la maggior parte dei produttori e delle grandi aziende potrebbe scomparire, decine di milioni di persone potrebbero presto ritrovarsi senza lavoro e mezzi di sussistenza banali.

Nessuno potrà nascondersi all’estero

Secondo i dati preliminari, decine di migliaia di russi, che potrebbero almeno stimare approssimativamente le conseguenze delle sanzioni, sono partiti d’urgenza per la Turchia nella speranza di vivere in un Paese civile. Nessuno nell’Unione europea li aspetta a causa della mancanza di Schengen e dell’ostilità nei confronti dei cittadini russi. Tuttavia, c’è una sfumatura interessante: è impossibile esportare e importare contanti oltre confine in misura significativa a causa delle leggi di Russia e Turchia e le carte Visa e Mastercard non funzionano più al di fuori della Russia. Allo stesso tempo, coloro che se ne sono andati si sono trovati quasi istantaneamente in una situazione in cui era praticamente impossibile vivere all’estero. La maggior parte degli emigranti dovrà tornare nel loro paese di prigionia, dove hanno almeno un alloggio.

Coloro che vogliono andarsene avranno i loro confini chiusi

Poiché l’amministrazione russa si trova in una posizione estremamente difficile a causa della possibile distruzione dell’economia, Putin, secondo l’intelligence, sottrarrà ricchezza ai ricchi e condurrà un “livellamento”. Inoltre, è del tutto possibile nazionalizzare le medie imprese per la pubblica amministrazione.

Per evitare che i liberali e gli spaventati patrioti russi si disperdano in alcun modo nel mondo, per non liberare scienziati, uomini mobilitabili e manodopera in generale, il governo russo ha deciso di chiudere le frontiere ai tutti.

L’ordine corrispondente è già stato firmato dalla vice di Serhiy Lavrov, Halyna Tegina. Il documento afferma che a tutti i cittadini di età compresa tra i 15 ei 72 anni è vietato attraversare il confine senza un permesso speciale.

Già firmato il divieto di lasciare la Russia

L’intelligence dice che potrebbero aver paura di attuare un tale ordine, ma la leadership russa ha perso la testa e si è spinta in una situazione di caos.Tuttavia, in tali condizioni, non ha altra scelta che stringere le viti alla sua stessa popolazione per mantenere il potere.

Dal 24 febbraio a oggi sono quasi 14 mila i cittadini russi che sono stati arrestati per avere manifestato contro l’invasione dell’Ucraina. In Russia l’opposizione alla guerra si fa sentire da San Pietroburgo a Mosca a Novosibirsk, ma ci sono anche i russi che appoggiano la scelta di Vladimir Putin e condividono il traguardo di ridare alla loro patria la passata grandezza imperiale.

Il ricercatore russo Kamil Galeev, finito in carcere durante le proteste del 2020 e oggi al Wilson Center di Washington, ha diffuso alcune immagini della Z in Russia: un gruppo di militanti con le bandiere russe e la maglietta nera con Z bianca; automobili con l’adesivo Z, un furgone con due enormi Z sulle fiancate, una grande Z formata mettendo in fila le mostrine strappate ai soldati ucraini uccisi, e persino la foto presa dall’alto di bambini e adulti di un ospedale pediatrico, disposti a formare una grande Z in gloria dello sforzo bellico russo.

L’utilizzo del simbolo e la strategia di Mosca

Il Cremlino non ha tardato a comprendere il potenziale della Z, divenuta il vero e proprio simbolo della strategia di guerra. La tv Russia Today, finanziata dal governo russo e veicolo della propaganda putiniana in tutto il mondo, dal 2 marzo non può più trasmettere nell’Unione europea e negli Stati Uniti. Sul suo sito si può comprare — al costo di 12,5 dollari, poco più di 11 euro l’una — la maglietta nera con la Z, e l’emittente promette che “l’integralità dei proventi andrà ai rifugiati del Donbass e agli eroi del progetto Children of War“.

Tra le più entusiaste sostenitrici della Z c’è Maria Butina, 33 anni, arrestata negli Stati Uniti nel 2019 con l’accusa di essere una spia russa e, tornata a Mosca, diventata nel 2021 una deputata del partito di Putin. Nel suo account Instagram ci sono i video delle sue interviste in tv con la maglietta Z, o della parata di automobili con la bandiera russa che si dispongono a forma di Z. Anche il ministero della Difesa russo ha pubblicato sul suo sito un’immagine di guerra sovrastata da un’immensa Z e la scritta “denaZification“.

Dai carri armati fino allo sport, ma c’è chi parla di strategia militare

Il simbolo dell’operazione militare voluta dal Cremlino è arrivato anche a Doha (capitale del Qatar), dove si sta svolgendo la Coppa del Mondo di ginnastica per nazioni. Nella giornata di domenica, l’atleta russo Ivan Kuliak ha indossato una canottiera sportiva in cui risaltava in maniera evidente sul petto la lettera Z di colore bianco. Si tratta dell’unico modo a sua disposizione per omaggiare la sua patria e la scelta di Putin, non potendo gli atleti russi in queste ultime gare indossare colori o simboli che rimandino alla propria nazionale dopo la sospensione dalle competizioni internazionali decisa dal Comitato olimpico internazionale.

Gli analisti militari però sottolineano anche un altro aspetto. Le Z e anche le meno frequenti V sulle fiancate dei blindati potrebbero essere segni di riconoscimento dei battaglioni contrapposti che avevano partecipato poche settimane prima alle esercitazioni in Bielorussia: Z per Zapad (ovest) e V per Vostok (est).

Circa Redazione

Riprova

Salvini e Piantedosi rompono su ong e migranti: la Lega voleva riesumare i vecchi decreti Salvini

Il blitz tentato dalla Lega per ‘riesumare’ i vecchi decreti Salvini sull’immigrazione è miseramente fallito …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com