Una ragazza rannicchiata su se stessa in un'immagine simbolica di violenza alle donne. Quattro violenze su cinque avvengono all'interno di una relazione sentimentale mentre solo una su 100 a opera di sconosciuti. A subirle sono soprattutto donne tra i 35 e i 44 anni (32%), sposate (50%) con figli (79%), diplomate (53%) e di professione impiegate (21%). Ammettono di patire ricatti, insulti e minacce (44%), violenza fisica, anche con corpi contundenti come martelli o altri oggetti taglienti (26%), economica (13%) e sessuale (7%). Sono i dati di Telefono rosa, secondo cui inoltre la meta' delle violenze denunciate da donne nel 2009 rientra nel reato di stalking. FRANCO SILVI / ARCHIVIO / ANSA/ DBA

Violenza sessuale a Milano, donna aggredita in un parco

Una donna italiana, di 45 anni, è stata violentata da un uomo da lei descritto come straniero, ieri intorno alle 18, a Milano mentre stava portando a spasso il cane nel parco del Monte Stella, La Montagnetta di San Siro, nella zona nord-ovest di Milano nel quartiere QT8. La vittima dell’aggressione è stata trasportata, in codice giallo, alla Clinica Mangiagalli del Policlinico. Sul posto è intervenuta la polizia, chiamata dal 118. Le indagini sono condotte dalla Squadra Mobile.

In base a una prima ricostruzione dell’accaduto, la vittima della violenza sessuale è stata aggredita alle spalle da uno sconosciuto, probabilmente africano secondo quanto raccontato, che l’ha buttata a terra in un viottolo sterrato a lato di una delle strade pedonali che attraversano la Montagnetta. Dopo aver abusato della donna, il malvivente è scappato.

La signora – in condizioni di forte choc – una volta riuscita a riprendersi ha incontrato un runner che ha dato subito l’allarme. La Squadra Mobile potrà – quando le sue condizioni di salute lo consentiranno – chiederle una descrizione più precisa dell’uomo e se possibile qualche dettaglio per potere individuarlo. Il Monte Stella si trova in un quartiere residenziale ben abitato ed è controllato costantemente dalle forze dell’ordine che ieri sera, come logico, hanno fatto convergere nella zona molte pattuglie per cercare di trovare l’aggressore. Normalmente corridori, appassionati della bici e famiglie frequentano le strade della Montagnetta vicino al centro sportivo XXV Aprile i cui frequentatori spesso si allenano salendo e scendendo i percorsi che arrivano fino a una cinquantina di metri. E’ quindi considerata un’area relativamente sicura sopratutto di giorno.

Circa Redazione

Riprova

Regeni: chiesto il processo per quattro 007 egiziani

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per i quattro appartenenti ai …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com