Verona. Gdf scopre evasione redditi da prostituzione

Redditi mai dichiarati per 500mila euro sono stati contestati a 26 prostitute dalla Guardia di Finanza di Verona che in collaborazione con la polizia municipale ha voluto indagare e colpire dal punto di vista fiscale l’attività di queste donne. I finanzieri controllando i tenori di vita di 37 donne hanno riscontrato che la maggior parte di queste erano sconosciute al Fisco e solo in due casi il modello di dichiarazione fiscale era stato presentato con redditi contenuti, dell’ordine di poco più di 11.000 e di 4.200 euro all’anno. E’ risultato però che le stesse persone erano riuscite ad acquistare immobili; possedevano autovetture di grossa cilindrata e avevano preso in affitto appartamenti anche in centro a Verona. Nella rete delle Fiamme Gialle è finita anche una donna che, oltre al mestiere più antico del mondo, arrotondava gli introiti spacciando stupefacenti. Un secondo lavoro che le avrebbe fruttato circa 60mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com