Vergogna a Roma! La partita si giocherà ma in ritardo

Quella che doveva essere una bella pagina di sport si è trasformata in uno spettacolo indecoroso e vergognoso per il calcio italiano. Davanti al mondo intero sintonizzato per assistere alla finale tra Napoli e Fiorentina l’inizio partita è stato rinviato a causa delle notizie confuse e drammatiche sul ferimento grave di un tifoso napoletano. Si parla di criminalità e di un ferimento casuale, si parla di un agguato a due tifosi del Napoli effettuato, forse, da tifosi dall’accento romano. Fatto sta che tre tifosi sono stati feriti, ma soprattutto due colpiti da alcuni spari. Uno, un poliziotto in borghese, è stato ferito alle braccia, l’altro al petto ed è in condizioni critiche. Già questo è una vergogna indicibile. Poi l’ambiente all’interno dell’Olimpico si è surriscaldato con i tifosi del Napoli inviperiti per la sorte di un loro ”compagno”, a lungo dirigenti e forze dell’ordine hanno discusso se fosse il caso o meno giocare questa partita prima che il capitano del Napoli Marek Hamsik andasse a parlare con i tifosi napoletani. Ma in quel momento un fitto lancio di petardi, fumogeni e bombe carta ha creato ulteriore panico e disagio ferendo anche un Vigile del fuoco. I capi ultras hanno sedato gli animi dei compagni di curva e, dopo che il capitano azzurro ha rassicurato i tifosi sullo stato di salute non gravissimo del tifoso ferito, la partita dovrebbe avere inizio a minuti. Una volta rientrata la calma, Questura, forze dell’ordine e dirigenti hanno reso noto che il ferimento non è legato a fatti calcistici ma ad un episodio di criminalità “estranea” al calcio. Secondo le ricostruzioni, ancora confuse, i due tifosi erano in auto e sono stati accerchiati nella zona di Tor di Quinto da ultrà romani. I due sono scesi dalla vettura e sono stati aggrediti vicino a un negozio di un fioraio e sarebbe partito proprio dal negozio lo sparo, forse per allontanare i facinorosi, ma la dinamica è ancora da chiarire. Quindi l’uomo sarebbe stato aggredito dai tifosi presenti che l’avrebbero ferito alla testa. La pistola sarebbe stata ritrovata nella zona della sparatoria e si stanno sentendo i testimoni. “Al momento – è la nota della questura – il triplice ferimento non sembra essere collegato agli scontri tra tifosi, ma avrebbe cause occasionali”.

Sebastiano Borzellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com