Venti di guerra nucleare

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha promesso di completare il programma nucleare nonostante le sanzioni Onu. Lo fa sapere Pyongyang.

‘E’ di vitale importanza che la Corea del Nord mostri immediatamente un sincero impegno alla denuclearizzazione attraverso azioni concrete, e mostri l’importanza di lavorare per ridurre le tensioni nella penisola e altrove’,  chiedono i membri del Consiglio di Sicurezza Onu in una dichiarazione. Tutti i membri delle Nazioni Unite, ricordano i Quindici,  devono attuare pienamente ed immediatamente tutte le risoluzioni del Cds e in particolare la 2375 e la 2371.

‘C’è un’opzione militare sulla Corea del Nord’,  afferma il consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca, il generale H. R. McMaster, sottolineando che il problema della Corea del Nord non è un problema fra gli Stati Uniti e la Corea del Nord ma fra il mondo e la Corea del Nord.

In meno di tre settimane, due missili balistici nord-coreani hanno sorvolato l’isola giapponese di Hokkaido, la più settentrionale. Ancora una volta, questa mattina all’alba, un missile di Pyongyang ha seminato il panico nell’impero del Sol levante, irritando e preoccupando il mondo intero. Gli Stati Uniti in primis, ma anche l’alleato cinese che neppure lui riesce a controllare la follia di Kim Jong-un. A Seul, il presidente sud-coreano Moon Jae-in ha immediatamente convocato una riunione urgente del Consiglio di sicurezza nazionale.

Immediata la reazione della Corea del Sud: ‘Il presidente del Paese, Moon Jae-in ha dichiarato che Seul possiede una capacità di fuoco in grado di distruggere la Corea del Nord in modo irrecuperabile’. Moon ha aggiunto che il dialogo con Kim Jong-un è impossibile in una situazione come questa.

    Secondo i militari sud coreani citati dalla Yonhap, questa volta il missile ha avuto una gittata ben superiore rispetto a quello di fine agosto, già considerato dagli esperti un missile intercontinentale potenzialmente in grado di trasportare una mini testata nucleare verso gli Stati Uniti e l’Europa. Ed è di pochi giorni fa – il 3 settembre – il sesto test nucleare nord coreano, che secondo alcuni esperti, anche americani, ha fatto esplodere una bomba all’idrogeno, provocando un terremoto di una intensità superiore alla magnitudo sei della scala di Richter.

Il missile lanciato dai pressi della capitale Pyongyang ha volato per ben 3.700 chilometri, affondando verosimilmente nel Pacifico Nord, e ad una altezza di circa 770 chilometri. Il missile precedente, quello del 28 agosto, un Hwasong-12, aveva avuto una gittata di circa 2.700 chilometri, volando ad una altitudine di circa 550 chilometri e si era spezzato in tre parti nel mare del Giappone. E proprio in queste ore, nello stesso Mar del Giappone, sarebbero in corso manovre della marina sud coreana, secondo fonti di Seul. Manovre che potrebbero aver spinto Kim Jong-un ad anticipare il nuovo test odierno rispetto alle previsioni.

Poche ore prima del lancio del nuovo missile la Corea del Nord attraverso la sua agenzia di stampa ufficiale aveva minacciato direttamente il Giappone, ricorda il Washington Post online: ‘Le quattro isole dell’arcipelago(giapponese dovrebbero essere affondate da una nostra bomba atomica, aveva dichiarato la commissione nordcoreana per la pace nel Pacifico asiatico, aggiungendo: ‘Il Giappone non deve più esistere accanto a noi’.

Lunedì scorso il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimità una serie di nuove sanzioni contro la Corea del Nord, per la nona volta dal 2006, anno del primo test nucleare di Pyongyang.

Donald Trump tuona: ‘L’opzione militare esiste ancora. Le opzioni degli Stati Uniti contro la minaccia della Corea del Nord sono efficaci e travolgenti’, ha ribadito Trump, parlando ieri notte nella base aerea militare di Andrews: ‘L’America ed i nostri alleati non si faranno intimidire e noi difenderemo i nostri popoli e la nostra civiltà da chi osa minacciare il nostro stile di vita. Questo comprende il regime della Corea del Nord che ancora una volta ha mostrato il suo profondo disprezzo per i suoi vicini e l’intera comunità mondiale. Dopo aver visto oggi le nostre capacità e il nostro impegno sono ancora più fiducioso che mai nel fatto che le nostre opzioni contro questa minaccia sono effettive e travolgenti’.

Le parole di Trump sono arrivate dopo che H.R. McMaster, il consigliere per la Sicurezza Nazionale, ha confermato che l’amministrazione Trump non esclude l’opzione militare. ‘A quelli che stanno parlando dell’assenza di un’opzione militare, dico che un’opzione militare esiste’, ha detto, durante il briefing alla Casa Bianca, sottolineando comunque che uno sviluppo del genere non sarebbe quello preferito da Washington per affrontare le minacce nordcoreane

Mosca, da Washington retorica aggressiva: ‘Sulla Corea del Nord Mosca sta dimostrando non solo la nostra contrarietà verso questi lanci illegali ma anche il nostro desiderio di risolvere la situazione nella penisola coreana’,  ha detto il portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova alla radio Govorit Moskva. Purtroppo da Washington viene solo retorica aggressiva, ha aggiunto.

La Russia è profondamente preoccupata per le ulteriori azioni provocatorie della Corea del Nord e le condanna con forza perché possono portare a una escalation. Così il Cremlino citato dalla Tass.

Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, condanna il lancio dell’ultimo missile dalla Nord Corea, un’altra palese violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza. Guterres, in una nota del portavoce, invita la leadership di Pyongyang a evitare ulteriori test, rispettare le risoluzioni del Cds e lasciare lo spazio per esplorare la ripresa di un dialogo sulla denuclearizzazione.

Il segretario generale discuterà la situazione nella penisola con tutte le parti interessate a margine dei lavori dell’Assemblea Generale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com